ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: Viaggi, l'Ue estende i divieti anche a Marocco e Algeria

euronews_icons_loading
Coronavirus: Viaggi, l'Ue estende i divieti anche a Marocco e Algeria
Diritti d'autore  Abdeljalil Bounhar/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Unione Europea è destinata a mantenere le restrizioni per i viaggi nella maggior parte dei Paesi, con l'aumento dei casi di coronavirus in tutto il mondo.

L'elenco dei Paesi ammessi per i viaggi verso l'Europa potrebbe continuare a diminuire.

Attualmente i cittadini di 13 Paesi possono viaggiare verso l'Unione, compresa la Cina, con riserva di reciprocità.

Secondo fonti diplomatiche, due nuovi Paesi, Algeria e Marocco, saranno cancellati dalla lista dei Paesi ammessi.

Questa tendenza dell'Unione Europea a ridurre il numero di Paesi da cui è consentito viaggiare verso l'Europa segue la progressiva crescita di nuovi focolai di coronavirus nel mondo.

Il 17 luglio erano già stati rimossi dall'elenco la Serbia e il Montenegro.

L'ultimo aggiornamento dell'elenco dei divieti di viaggio sarà un duro colpo per i Paesi europei che cercando di rilanciare l'economia attraverso il turismo dopo la crisi del coronavirus.

Nuove misure in Spagna e Belgio

Anche in Europa crescono le preoccupazioni per i nuovi focolai di coronavirus, soprattutto in Spagna e Belgio. Entrambi i Paesi stanno cercando di contenere la diffusione del virus prendendo nuove misure. In Spagna torna l'obbligo di mascherine in tutti gli spazi pubblici comprese le terrazze, saranno permessi solo incontri con massimo dieci persone e i locali notturni dovranno chiudere all'una.

Mentre la premier belga Sophie Wilmes ha annunciato nuove misure per scongiurare un altro lockdown. In particolare, sotto i riflettori del governo belga è finito un focolaio di coronavirus nella cittadina fiamminga Anversa. Nella città è stato deciso un coprifuoco: dalle 23 alle 6 del mattino sarà vietato uscire. Anche nel resto del Belgio i contatti sociali sono stati ridotti da quindici a cinque persone a settimana, è stato stabilito l'obbligo di indossare le mascherine nelle strade più frequentate e il tracciamento dei clienti nei bar e ristoranti.