L'Ue ammette viaggiatori da 15 paesi non comunitari. Esclusi gli Usa

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe
L'Ue ammette viaggiatori da 15 paesi non comunitari. Esclusi gli Usa
Diritti d'autore  Piero Cruciatti/LaPresse Piero Cruciatti/LaPresse

A partire dal primo di luglio i cittadini di 15 paesi non comunitari potranno essere accolti all'interno delle nostre frontiere ed entrare in Europa. Si tratta di: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia e Uruguay.

La Cina è nella lista degli ammessi ma a condizione che accetti i cittadini europei nel suo territorio.

"Si tratta di una decisione presa sulla base di criteri scientifici - afferma John Bruton, ex ambasciatore dell'Unione europea a Washington - come i dati sul numero dei contagi e la capacità di questi paesi di contenere la diffusione della pandemia. "

Tra i grandi assenti, nella lista dei paesi ammessi, gli Stati Uniti, il che potrebbe far pensare ad una ripicca da parte dell'Unione europea visti i rapporti tesi con il presidente americano Donald Trump.

"Negli Stati Uniti si contano oltre 125.000 morti per il coronavirus e 2 milioni e mezzo di persone contagiate - commenta Anthony Gardner, ex ambasciatore degli Stati Uniti a Bruxelles-. Questi dati parlano da soli. Indubbiamente non ha aiutato il fatto che a marzo la decisione di Trump di bloccare i voli da e verso ll'Europa sia stata presa in modo unilaterale e senza alcuna consultazione con la controparte europea. Tutt'ora i cittadini europei non possono ancora recarsi negli Stati Uniti "

Per gli americani che desiderano una vacanza estiva in Europa, non è ancora detta l'ultima parola. L'elenco dei paesi ammessi verrà aggiornato ogni due settimane.