ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cultura:l'appello degli artisti Ue investire nella cultura

euronews_icons_loading
Cultura:l'appello degli artisti Ue investire nella cultura
Diritti d'autore  Martin Meissner/AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli artisti stanno tornando sul palco, come Salvador Sobral, il cui spettacolo è stato interrotto dal lockdown per il coronavirus. È tornato in tour, con concerti in Portogallo, Spagna e Italia.

Il musicista portoghese ha firmato insieme a 45 artisti internazionali una lettera in cui si invitano i leader dell'Unione a investire nel settore creativo, sostenendo che la cultura ha contribuito a far fronte a "grandi difficoltà personali e sociali".

Nel bilancio a lungo termine concordato dai leader dell'Unione, per il programma Creative Europe è previsto uno stanziamento di 1,6 miliardi di euro, con un leggero incremento rispetto alla proposta della Commissione di 1,5 miliardi.

Paul Dujardin, direttore artistico del Bozar, principale centro culturale del Belgio, che ha firmato la lettera, sostiene che altri strumenti di investimento nel piano di risanamento dovrebbero essere indirizzati alla cultura per favorire l'innovazione:

"Penso che il futuro del bilancio comune nei prossimi anni sarà molto più nelle mani degli artisti, se si avrà idea di ciò che possono fare. Dobbiamo mostrare molta empatia verso gli artisti perché hanno bisogno di idee. Se non ci sono idee, idee creative, non ci sarà innovazione "

01.05 video arte di Bozar

"Art Reconnects Belgium" è stata l'ultima iniziativa del Bozar che ha creato murales in 3 città per mostrare le diversità del Paese.

Ma il direttore afferma che è importante anche non perdere la posizione nel panorama internazionale:

"In che modo, alla fine, competeremo con le altre potenze come Stati Uniti, Asia, Cina e altri. In questa fantastica Europa creativa, i primi a fare la differenza sono gli artisti, a stimolare gli investimenti e ad avere un visione a lungo termine in termini di coproduzioni e investimenti ".

I limiti alla mobilità hanno colpito pesantemente anche gli studenti che sognano di entrare a far parte di ErasmusPLus, uno dei programmi di istruzione più popolari nell'Unione e nel mondo.

La Commissione aveva proposto di stanziare 24 miliardi di euro, ma il Consiglio ha tagliato i finanziamenti a poco più di 21 miliardi.

Il Parlamento europeo è contrario a questi tagli, soprattutto perchè a settembre voterà una risoluzione, chiedendo che questo programma svolga un ruolo maggiore nel Green Deal.

"Non c'è alcun un incoraggiamento per la mobilità sostenibile, dicono di scegliere il modo più economico e più veloce, ma questa opzione non è sempre la più ecologica. Quindi dobbiamo considerare i trasporti in treno o quello che è disponibile .... Dovremmo essere in grado di reinventare alternative che sono un po' più costose rispetto alle compagnie a basso costo ma che sono più virtuose in termini ecologici " ha detto Laurence Farreng, eurodeputata di Renew Europe .

La commissione cultura del Parlamento Europeo difende la creazione di programmi sostenibili per ErasmusPlus, nonché per Europa Creativa e i Corpi europei di solidarietà.