ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, il mattatoio Tönnies preoccupa la Germania: 1300 i lavoratori contagiati

euronews_icons_loading
Covid-19, il mattatoio Tönnies preoccupa la Germania: 1300 i lavoratori contagiati
Diritti d'autore  INA FASSBENDER/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

In Germania cresce la preoccupazione per il focolaio legato al mattatoio del gigante della carne Tönnies, che ha fatto registrare oltre 1300 contagi di Covid-19 tra il personale impiegato. Il macello si trova a Rheda-Wiedenbrück nella Renania Settentrionale-Vestfalia, il land più popoloso e anche quello più colpito dalla pandemia.

Il timore è che l'infezione si propaghi nel resto del Paese, che ha visto balzare l'indice di contagio R da 1,79 a 2,88, stando all'ultimo report dell'Istituto Robert Koch.

L'impianto ha interrotto l'attività, 7000 persone sono in quarantena, le scuole sono state chiuse. Il governatore Armin Laschet, cristiano-democratico tra i favoriti per la successione ad Angela Merkel, ha detto che nella regione le infezioni sono diminuite del 75%, e che l'emergenza è localizzata all'area del distretto dove si trova il macello. Ma se i contagi dovessero estendersi non è escluso un lockdown a tappeto in tutto il land.

L'azienda è accusata di scarsa collaborazione. Di una parte del personale, in maggioranza di nazionalità rumena, bulgara e polacca, impiegato con contratti precari, non ha fornino i dati, cosa che ha complicato la ricostruzione della catena del contagio.

Il ministro del Lavoro Hubertus Heil ha dichiarato a Bild che la fiducia nella compagnia è ormai "pari a zero" e che dovrebbe pagare delle compensazioni per aver "tenuto in ostaggio un'intera regione" e per aver violato le norme anti Covid-19.

L'azienda è accusata anche di aver fatto dormire i lavoratori in dormitori affollati, dove il distanziamento sociale era impraticabile.

La Tönnies non è l'unica compagnia nell'occhio del ciclone, altri focolai si sono sviluppati in mattatoi del Paese. Le precarie condizioni di impiego della manodopera straniera nell'industria della carne, e in generale nel settore agricolo sono tornate in cima all'agenda del Ministero del Lavoro che sta elaborando un piano di riforme per regolamentare meglio il settore.