ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, Grecia: confini ancora chiusi per l'Italia a giugno

Turismo in Grecia
Turismo in Grecia   -   Diritti d'autore  Thanassis Stavrakis/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La lista è lunga ma l'Italia non figura nell'elenco.
Sono altri, in numero di 29, i Paesi ''virtuosi'' a cui la Grecia aprirà i suoi confini, a partire dal 15 giugno, per rilanciare il turismo e mitigare alcuni dei danni finanziari legati all'emergenza sanitaria.

Il ''club dei 29'' che può andare in Grecia

Il Ministero del Turismo greco ha detto che i viaggiatori provenienti dai Paesi ammessi potranno entrare in Grecia con voli diretti ad Atene e alla città settentrionale di Salonicco.
La lista sarà ampliata il 1° luglio per includere chi avrà numeri di contagio bassi e in remissione.
"Il nostro scopo è quello di poter accogliere i turisti e garantire uno standard elevato di sicurezza, sia ai visitatori che ai residenti ", ha detto il ministro del turismo, Harry Theoharis.

Per l'Italia ancora niente vacanze in Grecia

I 29 della lista, resa pubblica venerdì, sono: Albania, Australia, Austria, Macedonia del Nord, Bulgaria, Germania, Danimarca, Svizzera, Estonia, Giappone, Israele, Cina, Croazia, Cipro, Lettonia, Libano, Nuova Zelanda, Lituania, Malta, Montenegro, Norvegia, Corea del Sud, Ungheria, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca e Finlandia.
I visitatori che arrivano dai Paesi nell'elenco potrebbero essere sottoposti a test a campione, ha anche dichiarato il ministero.

Grecia e la gestione della crisi Covid-19

La Grecia ha imposto un blocco dall'inizio dell'epidemia di coronavirus: una misura che è stata premiata con un numero limitato di infezioni.
Il Paese ellenico registra finora un totale di 175 morti e poco più di 2.900 casi confermati.
Nessun caso è stato rilevato nella stragrande maggioranza delle isole greche, che sono popolari luoghi di vacanza.
Le misure di sicurezza in vigore comprendono limiti di capacità negli alberghi e nei resort.
Ogni struttura ricettiva ha un medico designato e deve intrattenere strette consultazioni con il ministero della Salute, che ha migliorato gli standard degli ospedali regionali, con il potenziamento dei reparti di terapia infettiva, anche in diverse isole.

"Stiamo aprendo, ma allo stesso tempo stiamo monitorando attentamente la situazione. Rigidi protocolli sanitari proteggeranno sia il personale che i turisti", ha detto Theoharis prima dell'annuncio della lista.
Il turismo e le industrie correlate rappresentano circa il 20% dell'economia greca: il rilancio operato dal governo intende evitare che la stagione turistica sia penalizzata oltre misura.