ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Russia: sulla riapertura decidono i governatori, ma i contagi fanno paura

euronews_icons_loading
Russia: sulla riapertura decidono i governatori, ma i contagi fanno paura
Diritti d'autore  Pavel Golovkin/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Putin ha delegato il compito di valutare l'allentamento della serrata ai governatori regionali, che devono decidere quali siano le condizioni giuste per revocare le normerestrittive.
Molti dei leader locali si sono già mossi per prolungare le misure di blocco, come è chiaro nella capitale, dove il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin ha annunciato che le restrizioni rimarranno in vigore fino al 31 maggio.

Infermieri in prima linea: la storia di Hristofor Zemlyanika

Quando la pandemia si è diffusa in Russia, Hristofor Zemlyanika ha deciso di ingaggiare battaglia. Due settimane fa ha iniziato a lavorare in uno degli ospedali Covid-9 di Mosca come infermiere nel reparto di terapia intensiva.

Hristofor Zemlyanika racconta: "Sette persone sono morte durante questo periodo nel nostro reparto. Mi preoccupo soprattutto per una donna: all'inizio pensavo che fosse molto anziana. Ho guardato i documenti. Ha solo 50 anni! Tutti erano sicuri che si sarebbe ripresa. E all'improvviso è caduta di nuovo in coma. È in condizioni critiche in questo momento".

La riapertura in Russia: Putin delega ai governatori regionali

La Russia è diventata il secondo paese più infetto al mondo, ma - nonostante i numeri non siano migliorati - Vladimir Putin ha iniziato ad allentare le misure di blocco.
Il lockdown, durato 6 settimane, si è concluso il 12 maggio.
L'allentamento delle misure restrittive è stato delegato alle autorità regionali: Putin ha affidato loro la responsabilità di decidere come e quando le norme di contenimento possono essere revocate.
Il blocco di Mosca è stato prorogato dal sindaco almeno fino alla fine di maggio. Ora è obbligatorio indossare maschere e guanti nei luoghi pubblici.

Ospedali ancora congestionati: il racconto del medico Andrei Kondrashov

Andrei Kondrashov è medico si è offerto volontario per lavorare in una delle cliniche private di Mosca, trasformata in un ospedale Covid-19. Non vede la luce alla fine del tunnel. Dice: "Ci sono ancora molti pazienti. Non meno di prima. Molti medici si ammalano, non solo qui, in generale a livello globale. Alcuni di loro addirittura muoiono. ”

Il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin ha dichiarato che il tasso di mortalità del coronavirus nella capitale sarebbe "significativamente" più alto a maggio rispetto ad aprile.