ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19, IATA: "A rischio 25 milioni di posti di lavoro"

euronews_icons_loading
Covid-19, IATA: "A rischio 25 milioni di posti di lavoro"
Diritti d'autore  Michael Probst/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Lo scopo è evitare un mare di fallimenti, ma nel settore del trasporto aereo, uno dei più colpiti dalla pandemia di coronavirus, non è detto che ce la si faccia.

Questa settimana i dirigenti dell'associazione internazionale del trasporto aereo, IATA, iniziano una serie di incontri con i governi di diversi Paesi per pensare alla ripartenza.

Per approfondire

Ora il traffico aereo registra un crollo verticale con le maggiori compagnie che tengono a terra l'80 per cento delle loro flotte, e le previsioni sono fosche.

Secondo le proiezioni, infatti, solo un 14 % di passeggeri ricomincerà a viaggiare alla fine del confinamento, bisognerà aspettare almeno 2 o 3 mesi perché almeno un 47 % di chi vola riprenda fiducia e salga su un velivolo.

Clicca qui per leggere il documento originale di IATA sulle previsioni

Come si riprenderà è da vedere, le soluzioni allo studio sono diverse: con parte dei sedili vuoti, con separatori in plexiglas tra un sedile e l'altro.

La IATA ha anche rinnovato l'invito ai governi a sostenere da subito il settore che rischia, insieme a quello del turismo, di veder bruciari 25 milioni di posti di lavoro al mondo, mentre la perdita dei ricavi stimata per l'anno in corso è di 350 miliardi in meno rispetto al 2019.

Al momento anche colossi come Lufthansa hanno ridotto al minimo i voli. EasyJet ha presto deciso lo stop totale di ogni attività, per Alitalia, (già assistita, più piccola e più facile da salvare di altri colossi nazionali), si pensa alla nazionalizzazione e anche per Air France potrebbe avviarsi un processo analogo.

Delta chiude il primo trimestre con una perdita ante imposte di 607 milioni di dollari su ricavi in calo del 18%. L'amministratore delegato Ed Bastian teme un possibile crollo dei ricavi del 90% nel secondo trimestre.