ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: riapertura economica quando? I dubbi degli USA

euronews_icons_loading
Covid-19: riapertura economica quando? I dubbi degli USA
Diritti d'autore  Mark Lennihan/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Anche oltre-atlantico di fronte alla mattanza di covid-19 si indugia a far riprendere le attività economiche.

Oltre il 90% degli americani è soggetto a severe misure di confinamento. E anche qui,come un film già visto, si levano le preoccupazioni su economia e salute psichica e la domanda: quando saremo in grado di ricominciare?

Il presidente Donald Trump ha suggerito il 1 maggio come data di partenza, anche se venerdì è entrato a gamba tesa nel dibattito politico di alcuni Stati governati dai democratici propensi a procrastinare il lockdown.

"Ci sono Stati, che grazie al proprio lavoro sono in grado di rimettere tutto in marcia nel futuro prossimo. Spetterà ai governatori decidere quando. Lavoreremo con loro, comunque, li aiuteremo".

Per i governatori dei vari Stati sono ore di grande lavoro, si coordinano per riaprire in contemporanea, di fronte ai dubbi della politica la palla viene rimbalzata ai comitati scientifici, cui si chiede di indicare i tempi della ripresa, compatibilmente a tamponi, test sierologici in attesa anche qui del vaccino.

In aperta polemica con Trump, il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo ha dichiarato:

"Rispondo innanzitutto al presidente, nel caso fosse seduto di fronte alla televisione, gli chiederei di alzarsi e andare a lavoro".

Il malessere di chi non ha più lavoro è palpabile e in alcuni stati come Virginia e Minnesota e Michigan ci sono state manifestazioni di insofferenza in evidente trasgressione al lockdown.

La rabbia di chi non ha più di che vivere lascia intravedere scenari futuri incerti.

La pandemia oltre-atlantico, a oggi, ha fatto più di 30 mila morti , 700 mila sono invece i casi di contagio.