ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: sulla portaerei francese, positivi quasi 700 marinai

euronews_icons_loading
Covid-19: sulla portaerei francese, positivi quasi 700 marinai
Diritti d'autore  Daniel Cole/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La portaerei francese Charles De Gaulle) si è trasformata in una bomba biologica, uno di peggiori focolai di coronavirus nell'esagono. Ben 668 marinai, pari un terzo dell'equipaggio, infatti, ha contratto la malattia. Come è ancora ignoto. La nave è approdata a Toulon nel sud della Francia domenica sera 20 marinai sono ricoverati e uno è in terapia intensiva. Gli altri si trovano in quarantena in diversi siti del sud della Francia; i marinai sono monitorati se peggiorano vengono portati immediatamente all'ospedale militare.

I marinai sbarcati da portaerei e fregate di accompagnamento, sono circa 1900 chi non è all'ospedale si trova in quarantena in diversi siti del sud della Francia. La marina prova a salvare il salvabile ma la gestione della pratica è dubbia: a quanto pare diversi marinai presentavano sintomi che sarebbero stati sottovalutati. Al telefono la moglie di un membro dell'equipaggio racconta in anonimato che chi era a bordo è disgustato per come è stata gestita la situazione, "per non essere stato trattato in modo appropriato mentre era in missione".

Fatale la sosta a Brest?

La nave era in missione dal 21 gennaio ma ha fatto una sosta di due giorni a Brest a metà marzo e questa potrebbe essere stata fatale. In quell'occasione diverse persone sono scese e salite da e sulla nave.

La Charles de Gaulle è la seconda portaerei al mondo su cui è arrivato il coronavirus la prima è stata la statunitense Theodore Roosevelt) con circa 600 militari positivi, la gran parte dell'equipaggio è stata fatta sbarcare a Guam.