ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Da Covid 19 si guarisce: ecco cosa dice chi è uscito dal tunnel

euronews_icons_loading
Da Covid 19 si guarisce: ecco cosa dice chi è uscito dal tunnel
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il coronavirus continua a uccidere in tutto il mondo. Ma molti di quelli che si sono ammalati sopravvivono. Quelli che hanno accettato di affidarci la loro testimonianza hanno tutti vinto la loro battaglia contro la malattia. Dalla loro reclusione in tutta Europa, hanno raccontato a Valérie Gauriat per Euronews della vita con il virus e dopo il virus.

Sotto attacco

Euronews

Jess Marchbank, 32 anni, inglese, sposata con 2 figli piccoli. È un'infermiera, vive nel Devon, Regno Unito. È stata la prima paziente con un caso confermato di coronavirus ad essere curata al North Devon District Hospital, dove il 20 marzo ha sviluppato una lieve tosse ed è stata portata in ospedale 3 giorni dopo in agonia. Ricoverata per diversi giorni, quando Jess è tornata a casa ha trascorso diversi giorni in isolamento, prima di poter abbracciare i suoi figli e il marito. Ci spiega cosa ha sentito quando si è ammalata: "Il dolore era semplicemente straziante. Sentivo come se le mie articolazioni fossero in fiamme! Così, con il mal di testa martellante... e andavo in letargia. Non riuscivo nemmeno a girarmi, il dolore era troppo forte per girarmi".

Matt Dockray, manager, ha 39 anni. È inglese. Ha trascorso diversi giorni in terapia intensiva, dove ha detto di aver "bussato alla porta della morte". Ora a casa, deve ancora fare esercizi di respirazione tutti i giorni. Dice: "Vieni portato in una stanza d'isolamento e tutti entrano in tute protettive. Mi hanno collegato ad una macchina e guardato i segni vitali. E a quel punto mi hanno detto che il mio corpo non assorbiva il giusto livello di ossigeno, era criticamente basso. E il mio polmone destro era collassato, il sinistro non andava per niente bene".

Joshua Dopkowski, docente, è americano ma vive a Ecully, in Francia. È docente all'Ecole de Management di Lione. È un padre single che vive con sua figlia Ayla, di 8 anni. Entrambi sono stati infettati da Covid-19. Il caso di Joshua era abbastanza grave, ma non è stato ricoverato, ha trascorso più di 2 settimane in carcere con sua figlia. I loro amici e vicini li hanno aiutati. Sono usciti di casa per la prima volta questa settimana. Joshua ripercorre i giorni più difficili: "Trovarsi in quella situazione quando si è malati di qualcosa di potenzialmente letale è assolutamente terrificante. Quindi penso che per me, come genitore, avere mia figlia Ayla intorno... Devo pensare a lei che ha bisogno di essere accudita. E questo, in realtà, mi ha aiutato un bel po'.

Kike Mateu, è un giornalista sportivo e dice di essere il primo reporter in Spagna a cui è stata diagnosticato Covid-19: "La malattia si evolve molto lentamente. E non si sa quando finirà. La cosa più difficile, mentalmente, è accettare che non si sa per quanto tempo si avrà il coronavirus. Sono rimasto infettato per 31 giorni!"

Lucie Laville, infermiera di rianimazione a Ginevra. Ha spiegato di non aver avuto sintomi gravi, a parte una tosse temporanea e mal di testa, ma le è stato comunque diagnosticato il Covid 19, ed è stata costretta a rimanere in isolamento a casa per 10 giorni. "Per me, la cosa più difficile era sapere che nella mia unità di rianimazione c'era bisogno di aiuto e che ero confinata a casa, asintomatica, e non ero in grado di fare il mio lavoro. È difficile per i miei colleghi, per noi. Le condizioni sono molto particolari, ma è il nostro lavoro! Ricordo la notte in cui abbiamo avuto un decesso: era un signore anziano, era un mio paziente. Siamo andati da lui, gli abbiamo tenuto la mano. Gli abbiamo detto che la sua famiglia avrebbe voluto esserci, che non poteva esserci, non perché non volesse, ma per obbligo. E almeno abbiamo accompagnato negli ultimi cinque minuti della sua vita. E, questo, è davvero complicato. "

Salvato

Euronews

Valérie Gauriat:

"Com'è stato quando ti hanno detto che eri guarito?

Kike Mateu lo ricorda bene: "Wow! Haha... È stato straordinario, così commovente, impressionante! Finalmente avrei potuto vedere la mia famiglia, dopo quasi un mese. È stato un momento incredibile. Non lo dimenticherò mai".

Jess Marchbank: "Mi sono sentita davvero fortunata, davvero privilegiata a essere quella nella statistica positiva. E mio figlio ha detto: "Cavolo, questo è il più bel regalo di sempre, mamma! È un regalo migliore del Lego! Sì, è stato... è stato davvero speciale. Terrò per sempre nel cuore quell'abbraccio. È stato fantastico!"

Matt Dockray: "L'altra parte è l'ignoto. Non si sa quali siano gli effetti a lungo termine. Non sai cosa significa. Riesci forse a capirlo di nuovo. Ma rimango sempre positivo. E ogni volta che ho un momento di depressione, torno a quello, mi rimetto in sesto e mi rendo conto di dove mi trovo ora".

Lezioni apprese

Euronews

Valérie Gauriat: "Pensi che ci sia stato qualcosa di positivo in questa esperienza?

Matt Dockray: "Le cose che vuoi fare. Ogni piccola cosa che hai sempre messo da parte o che non hai fatto o di cui non ti è mai importato, improvvisamente la vuoi farei. Vuoi cambiare e diventare una persona migliore, una persona migliore per gli altri e per chi ti sta intorno. Non da un punto di vista egoistico, ma per te vuoi fare la differenza".

Kike Mateu: "Le persone che lavorano negli ospedali sono meravigliose. Quelle persone, il modo in cui lavorano, ora sono nel mio cuore. E lo saranno per sempre. Perché questo è un lato meraviglioso dell'aver vissuto con il coronavirus".

Guglielmo Schininà, Responsabile Salute Mentale, Agenzia delle Nazioni Unite per le Migrazioni (OIM). Vive a Bruxelles, in Belgio. Non è stato sottoposto a test, ma i medici gli hanno detto che ha avuto Covid 19, ed è stato in isolamento a casa per diverse settimane. "Ho potuto riflettere su quanto io fossi fortunato. E come deve essere più dura per quelli che magari non hanno accesso del tutto alla sanità, come per molti migranti irregolari, o che hanno paura ad accedere alla sanità".

Laurence Rétaméro, francese, ha 57 anni e vive nel sud della Francia. È un'artista della plastica. Le è stato diagnosticato il Covid-19 e ha trascorso 5 giorni in ospedale, poi è stata in isolamento a casa sua. Dice che il sostegno dei suoi amici, reali e di Facebook, è stato fondamentale per la sua guarigione: "Mi sono sentita estremamente, e in maniera sublime, trasportata dai miei parenti. E sentivo davvero che loro erano collettivamente una forza di energia positiva per me".

Ayla Dopkowski, sudentessa: "Penso che sia bello che altre persone, là fuori, facciano cose come andare a fare la spesa, lasciare le loro case, fare queste cose per noi! Rischiano un po' del loro tempo e rischiano anche di prendere il virus! E se ci chiedono di farlo per loro, noi diremmo di sì, perché l'hanno fatto per noi!

Ranim Aldaghestani è una giornalista che vive in Francia, con la madre e due figli. La sua principale preoccupazione è quella di non contaminare la sua famiglia. Dice: "Il nostro pianeta ha ritrovato il suo respiro. Dopo le varie misure di confinamento in tutto il mondo. Dopo la chiusura di molte fabbriche, di aeroporti. Tutte queste cose hanno ridotto drasticamente le emissioni di Co2 che inquinano la nostra aria. E tutto questo ci insegna che dobbiamo preservare la nostra grande casa".

Messaggi al mondo

Euronews

Valérie Gauriat: "Lucie, se avessi un solo messaggio da trasmettere, a tutti?"

Lucie Laville: "Rimanete a casa! Rimanete a casa. Per quel che ci riguarda, a livello individuale, è l'unica cosa che possiamo fare per fermare il virus. Perché non voglio dover chiedere: 'Preferisci che intubiamo tuo padre o tua madre? Perché ho un solo tubo. Ho due pazienti e un tubo. Ho un solo ventilatore. Chi abbiamo scelto? Tuo padre? Tua madre? Chi preferisci?' E questo è orribile".

Christos Kellas, parlamentare e anestesista: "Questo viene da una persona che ha combattuto il coronavirus e ha vinto dopo una battaglia molto difficile. Dobbiamo restare a casa!
Forse qualcuno non vuole proteggersi, forse qualcuno vuole farsi del male, ma non ha il diritto di nuocere alla salute pubblica, di nuocere alla società".

Jess Marchbank: "Assaporate questi momenti. Abbracciate i vostri figli. Chiamate i vostri nonni. Fate sapere alla gente che la amate. Che sei lì, che ti mancano, che ti prendi cura di loro. Sì, decisamente."

Henri Lapierre, imprenditore in pensione: "Ma soprattutto c'è un messaggio di speranza. E cioè che è possibile superare la malattia in buone condizioni. Questo è ciò che è veramente importante. Non essere fatalista e pensare che tutto sia finito. No, non è vero. Penso che sia importante mantenere una mentalità positiva. E questo aiuta a tornare a una vita normale".

Laurence Rétaméro: "Aumentare le nostre energie, aumentare la nostra immunità attraverso una mentalità positiva, per quanto possibile, è fondamentale, credo. Grazie per questo report positivo, credo che sia necessario. È essenziale. Deve essere ripetuto. Ce la faremo, certo che ce la faremo".

Guglielmo Schininà: "Dobbiamo pensare non solo a noi stessi, non solo ai nostri Paesi, ma al mondo nel suo complesso. Altrimenti queste cose continueranno ad accadere. Dovremmo lavorare insieme su queste cose".

Joshua Dopkowski: "Il mondo intero deve rallentare. E noi possiamo ancora comunicare. Abbiamo la benedizione di comunicare attraverso la tecnologia digitale in tutto il mondo. Non abbiamo bisogno di muoverci così velocemente, di viaggiare così tanto e di consumare così tanto".