ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus, il disastro agricolo. In Puglia mezzo miliardo di euro di perdite

euronews_icons_loading
Coronavirus, il disastro agricolo. In Puglia mezzo miliardo di euro di perdite
Diritti d'autore  RAI via EVN
Dimensioni di testo Aa Aa

Con il rischio evidente di un possibile disastro agricolo, Berlino ha permesso a 40.000 lavoratori stagionali, provenienti soprattutto dall'Europa dell'Est, di entrare nel Paese per lavorare. Si recheranno in Germania esclusivamente in aereo e il governo ha dato garanzie sul fatto che i lavoratori saranno sottoposti a severe norme igieniche, per evitare la diffusione del Covid-19. "Dobbiamo far sì che la salute dei lavoratori sia protetta, così come il raccolto", spiega la ministra dell'Agricoltura tedesca, Julia Kloeckner. "Ci sono regole severe per la tutela della salute della popolazione e queste regole saranno rispettate anche qui".

Ogni anno circa 300.000 lavoratori stagionali si recano in Germania, per aiutare nella raccolta di colture, come fragole e asparagi.

Gravissime perdite in Puglia

La pandemia sta mettendo a rischio anche le coltivazioni nel Sud Italia. Prima della crisi scatenata dall'emergenza sanitaria, circa 100.000 persone lavoravano in campi e serre, ormai abbandonati in Puglia. "Qui di solito c'erano due o tre persone per ogni serra, per preparare e raccogliere i funghi", spiega un agricoltore. "C'è chi ha paura, c'è chi magari non sta venendo per problemi di trasporto. Siamo senza manodopera e siamo in seria difficoltà". E senza essere raccolti, i funghi marciscono e vengono gettati nei campi, perché diventino un fertilizzante per la coltivazione di fave e piselli.

I sindacati degli agricoltori stimano in mezzo miliardo di euro le perdite in Puglia.