EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Cassieri e magazzinieri, nuovi eroi. E le grandi catene ringraziano

Cassieri e magazzinieri, nuovi eroi. E le grandi catene ringraziano
Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da Carrefour a Auchan, da Tesco alla grande distibuzione spagnola, tutti stanno ringraziando l'abnegazione dei propri dipendenti con assegni a 3 zeri. Anche in Italia?

PUBBLICITÀ

Scaffali che si svuotano e si riempiono a velocità inaudita, file lunghissime di clienti in disciplinata attesa. In alcuni supermercati viene misurata la temperatura. In altri il gel per disinfettare le mani è sempre pronto. Ma chi rende possibile tutto questo?

Il Covid-19 ha dato gambe alla grande distruzione alimentare sottoponendo il sistema a uno stress test che fino questo momento è stato superato.

Grazie anche all'abnegazione dei dipendenti, cassieri, addetti agli scaffali, anche loro in prima linea anche loro con strumenti di protezione delle volte ridicoli, continuano a andare al lavoro per tutti noi.

In queste settimane di restrizioni abbiamo imparato a conoscerli e, ciascuno a modo suo, a ringraziarli. Angeli per alcuni, eroi per altri. Lavoratori con un gran senso del dovere dicono loro.

In prima linea anche loro per permettere che i beni essenziali non vengano meno nelle nostre case in questi giorni.

Visto che il fatturato delle grandi superfici non è diminuito, i grandi marchi hanno deciso di premiare i dipendenti con assegni a tre zeri a fine mese.

Da Auchan a Carrefour, passando per la spagnola Mercadona e l'Irlandese Tesco hanno detto grazie così ai propri dipendenti. Anche in Italia?

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brasile, Bolsonaro accusato di aver falsificato le certificazioni Covid

Germania, farmacie sospettate di rivendere il farmaco anti-Covid in Russia e Ucraina

Pronto soccorso al collasso in Italia e in Spagna: troppi ricoveri per virus influenzali e Covid