ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: come evolve l'infezione nell'Europa Orientale

euronews_icons_loading
Covid-19: come evolve l'infezione nell'Europa Orientale
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

In ogni Paese si fa come si può. Nella Repubblica Ceca, tra le misure varate dal governo, anche quella di coprire naso e bocca, se non è possibile altrimenti, al masimoo con un foulard o una sciarpa.

La misura è di mercoledì mentre in Repubblica Ceca i casi di contagio salgono a oltre 630.

I supermercati hanno orari esclusivi per gli anziani, un provvedimento volto a tutelare gli anziani doppiamente: garantendo loro l'approvvigionamento di materie di prima necessità e evitando il contatto con i più giovani.

Sono passati più di 20 giorni dal primo caso di covid-19 in Croazia, il numero di contagi oggi ha superato i 100 casi, si registra anche una vittima e 5 guarigioni.

In Romania l'esercito è impegnato nella costruzione di un nuovo ospedale appena fuori Bucarest.

Il presidente Klaus Iohannis ha dichiarato lo stato d'emergenza per i prossimi 30 giorni; il Paese conta oltre 277 casi .

L'Ungheria lascia aperte le frontiere, e i corridoi umanitari con la Romania e la Bulgaria per consentire ai pendolari di andare al lavoro e tornare a casa dalle 9 alle 5 del pomeriggio. La sosta è consentita solo alle stazioni di benzina. Le file più lunghe si registrano al confine tra Germania e Polonia.