ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Coronavirus: il governatore della California ordina la quarantena per 40 milioni di persone

euronews_icons_loading
Coronavirus: il governatore della California ordina la quarantena per 40 milioni di persone
Diritti d'autore  Wong Maye-E/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Golden gate bridge a San Francisco, le immense arterie stradali a Los Angeles, le spiagge di Malibu e Santa Monica: sono impressionanti le immagini che arrivano da una California deserta, dove giovedì il governatore Gavin Newsom ha disposto per 40 milioni di cittadini un'ordinanza di lockdown che segue da vicino il modello cinese ed italiano, via via adottato in molti altri paesi.

"Dobbiamo piegare la curva" ha dichiarato Newsom. "L'isolamento non è la mia scelta preferita ma ora è necessaria. Petanto, diramiamo un'ordinanaza in tutto lo Stato affinché tutti rimangano a casa . Siamo sicuri che i Californiani vi si atterranno e faranno la cosa giusta: affronteranno questo momento e andranno avanti, come hanno sempre fatto finora",

Le disposizioni in vigore nell'assolato stato statunitense non si discostano poi molto da quelle ormai in vigore un po' in tutta Europa: si può uscire per spese essenziali, per ragioni medico-sanitarie, per fare attività fisica seppure in regime di distanziamento sociale.

Corsa alle sperimentazioni

E nel frattempo, continua la corsa all'approvvigionamento di cure da parte dell'ammnistrazione Trump: in sperimentazione c'è l'impiego di un farmaco per la cura della malaria e di un antivirale già testato in cinque diversi studi. Anche qui, come in Cina, si parla poi di utilizzare il plasma dei pazienti guariti, per beneficiare della carica anticorpale da questi sviluppata.

Polemica con De Blasio

Ma intanto, c'è tensione con Bill de Blasio, sindaco di New York, che ha accusato Trump di immobilismo. "Ogni strada dev'essere tentata - ha detto De Blasio - ma per qualche ragione, si continua a esitare. L'ho dico mosso non dall'astio, ma per evidenziare il parallelo storico: presidente Trump, in questo momento lei è l'Herbert Hoover della sua generazione. Sta guardando e aspettando e sta perdendo ogni possibilità di essere audace, e di agire per proteggere la nostra nazione".

Traa le metropoli statunitensi, New York, conosciuta nel mondo come la "città che non dorme mai", è stata la prima ad adottare autonomamente misure restrittive anche per via dei diversi focolai registrati nelle vicinanze, come accaduto a New Rochelle, dove per contenere l'epidemia dentro un cordone sanitario è già stata inviata la guardia nazionale