ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La Cina teme il contagio di ritorno. In quarantena chi arriva da Paesi con il coronavirus

La Cina teme il contagio di ritorno. In quarantena chi arriva da Paesi con il coronavirus
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Ed ora è la Cina che mette in quarantena chi ha preso il coronavirus, il Covid-19, all'estero. Teme un contagio di ritorno.

Ecco, è arrivata la telefonata: in quarantena fino al 12 marzo perché vengo dall'Italia. Devo dire che sono stati molto...

Publiée par Gabriele Battaglia sur Mercredi 26 février 2020
Il post su Facebook del corrispondente di RSI Gabriele Battaglia, in quarantena a Pechino

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità il numero di infezioni fuori dai confini cinesi ha ormai superato quello del Paese epicentro dell'epidemia.

Il tweet di Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS

Sono oltre 80mila i casi diagnosticati nei cinque continenti, con oltre 2800 morti. In Europa l'Italia (528 positivi al test) conta il maggior numero di vittime, 17. Altre due sono in Francia, terzo paese per numero di contagi (17) dopo la Germania (21). Nelle ultime ore il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha dichiarato che il Paese si trova di fronte all'avvio di un'epidemia.

A livello globale dopo la Cina c'è la Corea del Sud per numero di casi positivi al coronavirus, con quasi 1770 persone infettate e 13 vittime.

I contagiati in Iran sono meno, 254, ma sono 26 i morti. Infettati anche la vicepresidente Masume Ibtikar e il viceministro della Salute iraniano Iraj Harirchi. Quest'ultimo era apparso molto provato fisicamente nel corso di incontri pubblici. In un video messaggio sui social il politico, ora in isolamento, ha dichiarato: "Vinceremo contro il virus!".

La Cina ha annunciato, tramite Zhong Nanshan, pneumologo a capo del team di esperti della Commissione sanitaria nazionale, di poter essere in grado di riprendere il controllo dell'epidemia entro fine aprile.