ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dove va tutta la plastica italiana? Ecco la rotta tracciata da Greenpeace

euronews_icons_loading
Dove va tutta la plastica italiana? Ecco la rotta tracciata da Greenpeace
Diritti d'autore
greenpeace
Dimensioni di testo Aa Aa

È solo la punta dell'iceberg. Rigorosamente di plastica

Nei primi nove mesi del 2019 più di 1.300 tonnellate di rifiuti in plastica sono stati spediti illegalmente dall’Italia in Malesia.

È l'esito dell'inchiesta di Greenpeace Italia fatta in collaborazione con il governo malese.

Come è possibile che la Malesia sia diventata una delle principale discariche per i rifiuti occidentali, in particolar modo dei rifiuti di bassa qualità e di difficile riciclo.

I primi dubbi vengono a Greenpeace all'indomani della chiusura cinese all'import della plastica nel 2018. L'Occidente deve trovare nuove destinazioni, intuiscono i dirigenti della Ong, devono trovare nuove rotte. Quella del Sud est asiatico resta sempre una rotta battutissima, la Malesia assurge a destinazione privilegiata.

euronews

Perché. Greenpeace lavora in collaborazione con le autorità governative e riesce a avere la lista delle discariche che hanno l'abilitazione per ricevere la plastica dai paesi occidentali.

"Detto in altre parole -ci conferma Giuseppe Ungherese di Greenpeace - devono avere i requisiti richiesti dall'Unione europea per trattare questo tipo di rifiuti".

Nella maggiorparte dei casi non è così; i rifiuti saranno destinati a finire ai margini di zone abitate, aree boschive e nella migliore delle ipotesi verranno bruciati.

Su 65 spedizioni avvenute nei primi nove mesi del 2019, 43 sono state destinate a impianti privi dei permessi per importare e riciclare rifiuti stranieri in aperta violazione della normativa europea
Greenpeace Italia

Questi traffici sono vere e proprie transazioni, remunerative per le aziende coinvolte: Greenpeace ha stimato un giro d'affari di circa un milione di euro per il 2019.

euronews
Giuseppe Ungherese, Greenpeaceeuronews

Prima del 2018 l'Unione europea esportava il 50% della plastica in Cina, cosa che permetteva alle industrie europee di non dover fare i conti con i propri rifiuti.

Nel 2018, in Cina è entrato in vigore il programma National sword.

Ecco come l'Italia ha diversificato la propria esportazione di plastica nel 2019, inseguito alla decisione cinese di chiudere le frontiere alla plastica, e più precisamente a 24 tipi di rifiuti in plastica per ragioni igieniche sanitarie.

euronews

Le discariche abusive malesi, come anche quelle in Indonesia, altra destinazione sono gestite spesso da uomini dalle mafie asiatiche.

In tutti i casi di abusivismo si nota che le discariche usano soluzioni di smaltimento decisamente inquinanti, tra le altre quella di bruciare i rifiuti a cielo aperto.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.