ULTIM'ORA
This content is not available in your region

FOTO - L'epidemia di coronavirus raccontata in immagini: ansia, controlli e mascherine

FOTO - L'epidemia di coronavirus raccontata in immagini: ansia, controlli e mascherine
Diritti d'autore
Ahn Young-joon/AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il numero di morti per l'epidemia di coronavirus continua a salire e, con essi, la preoccupazione globale per l'epidemia che ha avuto origine a Wuhan, Cina.

Queste immagini provenienti da Asia e Europa mostrano come si sia messa in moto la macchina globale del contenimento, dei controlli di biosicurezza e disinfezione; ma anche, di riflesso, la psicosi popolare, che passa per lunghe code per l'acquisto di maschere facciali e perfino dimostrazioni per chiedere la chiusura dei confini.

Un membro dello staff medico di Shenyang abbraccia una familiare prima di partire per Wuhan. Siamo all'aeroporto della provincia nordorientale Liaoning - STR / AFP
Le strade deserte di Wuhan, metropoli da 11 milioni di persone in quarantena - Arek Rataj/AP Photo
Un lavoratore con mascherina spruzza disinfettante per le strade di Wuhan - Arek Rataj/AP Photo
Addetti di un'azienda di pompe funebri rimuovono il corpo di una persona morta fuori da un edificio di Wuhan - Chinatopix, AP
Ricostruzione elettronica del coronavirus (2019- nCoV) rilasciata dal Centro per il controllo e la prevenzione di malattie nel gennaio 2019
Un ufficiale militare con la divisa protettiva dà istruzioni alle persone che sono arrivate in Polonia da Wuhan. Siamo a Wroclaw - Arek Rataj, AP Photo
Un flash mob a Hong Kong per chiedere al governo locale di chiudere le frontiere con la Cina ed evitare rischi di contagio - Anthony Wallace/AFP
La coda per acquistare mascherine a Hong Kong - Kin Cheung/AP PhotoKin Cheung
Sempre in coda per le mascherine, sempre a Hong Kong, il 30 gennaio scorso - Vincent Yu/AP PhotoVincent Yu

In Corea del Sud i casi confermati finora sono stati 15, 90 le persone in quarantena.

Donne col tradizionale abito coreano si fanno una foto saltando al palazzo Gyeongbokgung di Seoul. Immancabile, sul viso, la mascherina - Jung Yeon-je / AFP
Al lavoro per disinfettare tutto in una stazione della metro di Seoul - Ahn Young-joon/AP PhotoAhn Young-joon
Donne nei kimono tradizionali giapponesi al tempio Sensoji di Tokyo. Tre i casi confermati nel Paese del Sol Levante - Behrouz MEHRI / AFP

Il 2 febbraio le Filippine hanno fatto registrare la prima morte da coronavirus al di fuori della Cina continentale. Il giorno dopo, Beijing ha reiterato la richiesta urgente di attrezzature mediche e maschere chirurgiche. Il 3 febbraio è stato aperto il nuovo ospedale Huoshenshan, pronto in appena 10 giorni.

Passeggeri in arrivo all'aeroporto di Manila - Ted Aljibe/ AFP

Sono 65 i cittadini francesi che hanno iniziato domenica un periodo di quarantena nel sud della Francia. Il 2 febbraio, un secondo aereo di rimpatrio è atterrato a Istres trasportando complessivamente 250 persone da Wuhan, epicentro dell'epidemia. Gli sfollati sono tenuti sotto sorveglianza armata in un campo di vacanza dove sono liberi di passeggiare ma devono indossare le maschere protettive.

All'aeroporto internazionale di Wuhan: un uomo consegna volantini con le istruzioni per i voli di rimpatrio - Arek Rataj/AP Photo
Sulla pista di atterraggio dell'aeoporto di Marsiglia, Francia - Arek Rataj/AP Photo

Un volo speciale ha riportato a casa 312 bengalesi da Wuhan. Otto di loro sono stati ospedalizzati con febbre altra. Il governo ha detto che sono oltre 5mila i propri cittadini in Cina per motivi di studio.

Un passeggero di Beijing mentre viene controllato dalle autorità in Bangladesh, a Dhaka - Al-emrun Garjon/AP Photo

In Vietnam, le autorità hanno suggerito agli studenti di portare mascherine a scuola. Lunedì 3 sono stati confermati 8 casi di contagio coronavirus.

Hanoi, Vietnam.Hau Dinh/AP Photo
Una donna a Hanoi, Vietnam - AP Photo/ Hau Dinh
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.