La quarantena dei francesi sulla costa mediterranea

La quarantena dei francesi sulla costa mediterranea
Diritti d'autore Euronews
Di Andrey PoznyakovGioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

180 rimpatriati francesi si trovano in una località balneare vicino Marsiglia. Tutti in buone condizioni di salute, non possono uscire dal centro vacanze che li ospita.

PUBBLICITÀ

La loro storia sembra la sceneggiatura di un film: la quarantena ai tempi del coronavirus. Si trovavano in Cina e probabilmente tutto credevano tranne che si sarebbero ritrovati in un centro vacanze per due settimane insieme a decine di sconosciuti. Chissà tra di loro quali discorsi, giochi, storie... Parliamo dei 180 francesi rimpatriati venerdì da Whuan e che ora si trovano confinati a Carry-le-Rouet. Sono tutti in buone condizioni di salute, solo due di loro sono stati ricoverati ma si trattava di normale influenza, non possono uscire dal centro vacanze ma hanno comunque scompigliato la vita del villaggio. All'inizio tra i residenti, inutile dirlo, correva la paura del contagio, ma ora, come raccontano loro stessi, i timori si sono dissipati.

Hector RETAMAL / AFP
Una vista dall'interno del centroHector RETAMAL / AFP

Arrivato un secondo aereo con 250 rimpatriati

Questa domenica pomeriggio un secondo aereo proveniente dalla Cina è atterrato in una base militare vicino Marsiglia per rimpatriare altri europei, non solo francesi: si tratta di 250 persone di 30 diverse nazionalità. Molti di loro saranno ospitati in una vicina scuola dei vigili del fuoco. Tra loro cittadini del Belgio, dei Paesi Bassi, della Repubblica Ceca e della Slovacchia.

Il sindaco di Carry-le-Rouet Jean Montagnac, ci tiene a tranquillizzare tutti: "Ho avuto tutte le istruzioni e mi hanno completamente rassicurato. Inoltre le persone in quarantena sono interpellate due volte al giorno dai medici per capire se sono sorti sintomi riferibili in qualche modo al coronavirus".

Durante la quarantena i cittadini francesi evacuati dalla Cina non sono autorizzati a lasciare il campo di villeggiatura, tenuto sotto scorta armata; possono passeggiare dentro al centro ma devono sempre indossare maschere mediche.

HECTOR RETAMAL / AFP
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Io, in quarantena in Siberia per colpa del coronavirus"

"Coronavirus? Un alibi per chi ce l'ha con i cinesi"

A Marsiglia la guerra alla droga può essere vinta?