ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Libano: gli scontri urbani più gravi dall'inizio della crisi

euronews_icons_loading
Libano: gli scontri urbani più gravi dall'inizio della crisi
Diritti d'autore
Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved. - Hussein Malla
Dimensioni di testo Aa Aa

La piazza di Beirut attacca le forze dell'ordine a presidio del parlamento. Da venerdì sera la capitale levantina è di nuovo in crisi. Si tratta del tafferuglio più violento dal 17 di ottobre scorso, data dell'inizio della rivolta che scuote il Paese dei cedri.

I manifestanti chiedono un governo tecnico che risolva la grave crisi economica. Lo stato, dalla complessa trama multiconfessionale, è sull'orlo del fallimento, con il 150 per cento di debito pubblico, in buona partte verso l'estero.

Ancor peggio, secondo la Banca mondiale, quella che un tempo veniva definita la svizzera del medioriente potrebbe ben presto raggiungere il 50 per cento del tasso di povertà della popolazione. Oggi è circa un terzo.

Il nuovo primo ministro, Hassan Diab, è stato nominato lo scorso dicembre dopo le dimissioni del sunnita Saad Hariri, proprio per le pressioni del movimento di protesta.

Diab sostiene le ragioni dei dimostranti, ma si dice prigioniero del gruppo di potere che lo ha cooptato e che controlla il paese da decenni.

Disordini sono stati registrati anche a Tripoli e a Tiro.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.