ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nuovo premier russo, delfino o tecnocrate?

euronews_icons_loading
Nuovo premier russo, delfino o tecnocrate?
Diritti d'autore
AP - Alexei Druzhinin
Dimensioni di testo Aa Aa

La Cremlinologia era di moda ai tempi della guerra fredda. Ma a volte è utile riscoprire le antiche discipline per interpretare i colpi di scena di Vladimir Putin.

E Maria Lipman è quella che un tempo si sarebbe definita una Cremlinologa. Lei tenta di leggere il futuro seguendo le linee delle ultime mosse del presidente: "Putin non continuerà a guidare il Cremlino. Questo significa che la carica presidenziale dovrebbe avere meno prerogative. Il suo potere dovrebbe venire circoscritto. Ed è chiaro fin dai primi emendamenti proposti dal presidente"

Ma il nuovo premier, Mikhail Mishustin, potrebbe aspirare alla successione di Putin? Si potrebbe cercare la risposta nel passato, suggerisce il politologo russo, Alexej Makarkin: "adesso tutti dicono che è un premier tecnico, e che non ha ambizioni. Il suo unico compito sarà di svolger euna mansione precisa e limitata e poi lasciare il posto a qualcunaltro. Io ci andrei cauto. Ricordo nel 1999, quando Vladimir divenne il primo ministro Putin. Tutti gli osservatori dicevano che sarebbe stato un premier di transizione. Ma poi non si rivelò una meteora. E adesso guida il paese da 20 anni"

Un uomo che conosce la leva fiscale della Russia e diventa premier in un paio di giorni potrebbe rivelarsi un osso più duro del previsto

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.