"Il futuro del Sud non è l'industria ma l'artigianato d'eccellenza"

"Il futuro del Sud non è l'industria ma l'artigianato d'eccellenza"
Diritti d'autore 
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il governo promette investimenti al Sud. Urgente un impegno per chi rischia il posto ma, secondo il professor Enzo Baglieri, per il futuro del meridione bisogna puntare sulle piccole e medie imprese locali e i prodotti d'eccellenza

PUBBLICITÀ

Sono scesi in piazza perché non ci stanno a perdere il posto di lavoro, per chiedere allo Stato un impegno maggiore sulle vertenze aperte. 

In prima linea i lavoratori di Whirlpool, Ilva, Mercatone Uno, Almaviva, Alitalia; questo martedì hanno manifestato a Roma al corteo indetto da Cgil Cisl e Uil. 

Al Sud sono migliaia i posti di lavoro a rischio, uno scenario da incubo per un territorio già martoriato.

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte, incontrando i rappresentanti sindacali dopo il corteo ha promesso come massima priorità il rilancio degli investimenti al Sud. Il tentativo è di tamponare almeno in parte un gap importante, si pensi che secondo l'ultimo rapporto dello Svimez, lo Stato ha investito in opere pubbliche al Sud: 102 euro pro capite rispetto ai 278 nel Centro-Nord.

Ma sul lungo termine quali possono essere gli investimenti per creare lavoro da affiancare all'impegno per migliori servizi pubblici e opere pubbliche? 

"L'Italia ormai da un ventennio non è più un Paese industriale"

C'è chi crede che puntare sull'industria per il sud non sia la giusta strategia a lungo termine

Secondo il professor Enzo Baglieri, docente di economia e gestione delle imprese all'Università Bocconi, "non è pensabile con poche misure, anche massicce, riconvertire il meridione e spostarlo verso quella che è la vera frontiera dell'economica: l'economia dei servizi. Quello che non si dice è che l'Italia da almeno un ventennio non è più un Paese industriale: l'ultimo rapporto Istat, ad esempio, ci dice che solo il 24 % della ricchezza nazionale è prodotto dall'industria". 

Il futuro è l'economia del terziario, dei servizi. Ma è chiaro che per le persone che rischiano il posto, e per i tanti che non l'hanno, c'è l'esigenza immediata della sussistenza a cui lo Stato deve rispondere. 

Per il Sud Italia un futuro nel terziario e nei prodotti di eccellenza locali

"Io credo che si debba tornare a fare un'impresa direi rinascimentale dove un artigiano, anche grazie alle teconologie possa affrontare i mercati internazionali ma rimanga piccola impresa puntando su cura e qualità del prodotto

Un esempio? "L'industria del vino siciliana che in pochi anni è riuscita a diventare un'eccellenza nazionale e sovrannazionale".

La crisi del meridione secondo i dati dell'ultimo rapporto Svimez

Secondo i dati Svimez, al divario ormai storico tra Nord e Sud si è affiancato quello tra Italia e resto d’Europa. 

- Il tasso di crescita decennale (2008-2018) vede la perdita del 4,3% del PIL in termini reali, mentre l’Europa si attesta su un + 10,8%. La perdita per il Sud è stata, però, decisamente peggiore, arrivando a toccare i - 10,4 punti percentuali mentre il Nord ne ha persi 2,4.

- Nel 2018 il Sud ha fatto registrare una crescita del PIL appena del +0,6%, rispetto al +1% del 2017.

- Nel 2018 sono stati investiti in opere pubbliche nel Mezzogiorno 102 euro pro-capite rispetto a 278 del Centro-Nord.

Qui il rapporto Svimez

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere per andare alle urne informati

Europee, ufficialmente aperta la campagna elettorale in Italia con la presentazione dei simboli

Elezioni in Basilicata: seggi aperti dalle 7 alle 15, domenica affluenza al 37,74% per cento