Venezia: la strada in salita degli artigiani di gondole

Venezia: la strada in salita degli artigiani di gondole
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  REUTERS
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo l'alluvione che ha colpito la città lagunare la scorsa settimana, i piccoli artigiani veneziani contano i danni e provano a rialzarsi, a fatica

PUBBLICITÀ

L'acqua alta, che ha messo in ginocchio Venezia la scorsa settimana, ha causato ingenti danni, anche agli artigiani. Lo squero Tramontin (il più antico della città) è un piccolo cantiere, dove vengono costruite e riparate gondole, simbolo per eccellenza della città lagunare. Una tradizione che si tramanda di padre in figlio. Figlie, in questo caso, visto Elisabetta ed Elena hanno deciso di seguire le orme di papà Domenico. Il cantiere, che ha 135 anni, è stato travolto dall'alluvione.

Lo squero Tramontin

"Ovviamente le botteghe sono tutte al piano terra, quindi è stato molto difficile per molti artigiani", spiega Elena Tramontin. "Bisogna essere forti e andare avanti e spero che comunque ci siano degli aiuti per gli artigiani, parte fondamentale di Venezia. La nostra tradizione è l'artigianato".

Elisabetta ed Elena ora devono iniziare a contare i danni e sgombrare lo squero il prima possibile, per poter riprendere l'attività. Nonostante questo, però, non perdono la speranza.

REUTERS/Alberto Lingria
Museo Arzanà inondato, dopo l'acqua altaREUTERS/Alberto Lingria

Video editor • Cinzia Rizzi

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Venezia post Covid-19 punta sulle barche ecosostenibili

Italia Paese più vecchio d'Europa: preoccupati gli economisti

Napoli: voragine stradale al Vomero, aperta un'inchiesta