ULTIM'ORA

Iraq: lanciò le sue scarpe contro Bush, oggi sostiene le proteste contro il governo

Iraq: lanciò le sue scarpe contro Bush, oggi sostiene le proteste contro il governo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono passati quasi 11 anni da quando Muntadhar al-Zaidi, giornalista di al-Baghdadiya TV, finì al centro delle cronache internazionali per aver lanciato le sue scarpe contro l'allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush.

Il giornalista stava partecipando ad una conferenza stampa a Baghdad in cui Bush, affiancato dal primo ministro iracheno Nouri al-Maliki, stava elencando i risultati ottenuti dalla coalizione a guida americana dall'inizio dell'invasione cominciata nel 2003.

"Questo è il bacio d'addio del popolo iracheno, cane", aveva gridato al-Zaidi prima di lanciare i suoi mocassini contro il presidente americano (mancandolo). Un gesto per cui fu condannato a tre anni di carcere, anche se alla fine fu rimesso in libertà dopo nove mesi.

Leggi anche |In Iraq si manifesta e si muore ogni giorno da un mese a questa parte

Dopo avere provato a farsi eleggere in parlamento, senza successo, nelle elezioni che si sono tenute l'anno scorso, al-Zaidi è tornato alla ribalta nel corso delle proteste delle ultime settimane contro il governo.

Centinaia di persone sono morte e migliaia sono rimaste ferite negli scontri tra le forze di sicurezza e i manifestanti, scesi in piazza in varie città irachene per protestare contro corruzione, mancanza di lavoro e le precarie condizioni di vita nel paese.

Fonti delle forze di sicurezza hanno confidato a Reuters di avere ricevuto ordine di usare "tutte le misure necessarie" per porre fine alle proteste.

"Perché il mondo libero tace? Ci sono stati più di 1.200 feriti finora", ha detto al-Zaidi a Euronews. "Il 29 ottobre a Karbala ci sono stati 18 martiri", ha detto riferendosi agli incidenti avvenuti lunedì scorso nella città sciita nel sud del Paese, quando un gruppo di uomini non identificati ha aperto il fuoco sui manifestanti.

Leggi anche |Ascesa e caduta dello Stato Islamico

"Non abbiamo sentito alcuna condanna o dichiarazione chiara - ha aggiunto al-Zaidi - se non alcune ovvie dichiarazioni delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea".

L'Unione europea a inizio ottobre ha chiesto alle forze di sicurezza irachene di usare "moderazione", ma questa settimana ha affermato che la violenza è fonte di "profonda preoccupazione" in quanto "si sono verificati casi di uso eccessivo della violenza".

Al-Zaidi ha detto a Euronews che i manifestanti chiedono la caduta del regime, aggiungendo anche che non vogliono che altri paesi interferiscano in Iraq.

"Il governo dell'occupazione americana è stato rigettato - ha spiegato -. Questo governo ha portato il paese al disastro. Vogliamo la caduta del regime politico e la fine di questo governo. Non odiamo l'Iran, non odiamo l'Arabia Saudita, non odiamo la Turchia. Ma il nostro messaggio è semplice: devono smettere di interferire negli affari del Paese. Il popolo iracheno è un popolo libero".

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.