ULTIM'ORA

Contraffazioni pericolose: cosa si beve in Russia? Non solo alcol

Contraffazioni pericolose: cosa si beve in Russia? Non solo alcol
Dimensioni di testo Aa Aa

Russia Sobria. Questa è la scritta della maglietta di Anton. Lui ha 21 anni e combatte l'alcolismo da quando ne aveva 16.

Allora viveva in Novy Urengoi, una città del nord della Russia, dove bere e bere molto è un'abitudine tollerata e quasi incoraggiata. Anton ha visto anche l'altra faccia dell'alcol, quella più distruttiva.

Anton Borovsky :«Sono fuorioso per quanto sta succedendo, le lobby dell'alcol dicono che è tutto a posto e che l'alcol potrà essere venduto sempre e comunque. Il nostro obiettivo è di vietarne la vendita dopo le 23 e punire chi viola il divieto".

Sono fuorioso per quanto sta succedendo, le lobby dell'alcol dicono che è tutto a posto e che l'alcol potrà essere venduto sempre e comunque. Il nostroobiettivo è di vietarne la vendita dopo le 23 e punire chi viola il divieto
Anton Borovsky di 'Russia sobria'

In Russia effettivamente la legge vieta la vendita di alcol la notte. Euronewa accompagnata da Anton ha fatto una prova e ha comprato una birra a mezzanotte a Mosca.

Una prova inconfutabile di come la legge venga aggirata, le multe possono arrivare fino a 1500 euro. Una misura pensata per disincentivare il consumo di alcol che sembra funzionare, stando a un rapporto dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Il consumo di alcol in Russia si è ridotto del 43% dal 2003 al 2016
Organizzazione mondiale sanità

Stando a un rapporto dell'Organizzazione mondiale della Sanità il consumo si è ridotto di 43 punti percentuali dal 2003 al 2016.

C'è anche l'alcol contraffatto, meno caro ma più pericoloso

Il movimento "Russia Sobria" riconosce effettivamente che nel paese si beve meno, ma non tutti i dati sono presi in conto, come a esempio il consumo di alcol contraffatto. Il presidente del movimento Sultan Hamzaev mette in evidenza un altro aspetto : "Oltre a un mercato legale, ne esite un altro dove circola l'alcol contraffatto. Tutti i tentativi portati avanti dallo Stato contro l'alcol contraffatto sono stati, però, inutili finora. Con i nostri soli sforzi nell'ultimo anno abbiamo portato alla luce oltre 1.500 tonnellate di alcol contraffatto".

L'alcol contraffatto trova ampio smercio su Internet, ma anche le vendite online sono proibite, il fatturato di questo mercato nero è stato di oltre 30 milioni di euro l'anno scorso e ha registrato un aumento del 23 % rispetto al 2017.

Andrey Busargin, del Grouppo IB: "Su Internet l'offerta di alcol a prezzi concorrenziali è enorme, ovviamente si tratta di alcol contraffatto e il profitto è altissimo".

Le conseguenze per la salute sono incalcolabili, ogni anno sono centinaia i russi che si rivolgono al sistema sanitario per le conseguenze. Uno degli episodi più importanti si è verificato a Irkutsk nel 2016, 62 persone morirono per alcol contraffatto.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.