Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

L'Iran arricchisce l'uranio oltre i limiti, negoziati in sospeso

L'Iran arricchisce l'uranio oltre i limiti, negoziati in sospeso
Diritti d'autore
Reuters
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il rapporto trimestrale dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica, che controlla l'accordo sul nucleare, conferma ciò che l'Iran aveva annunciato: il superamento del limite di 300 chili di scorte di uranio arricchito al 3,67%, limite previsto proprio dal patto siglato nel 2015. Nessuna sorpresa, dunque, nonostante i segnali di distensione, la presenza del ministro degli Esteri iraniano Zarif al G7 di Biarritz e le dichiarazioni di Trump.

Il presidente degli Stati Uniti aveva aperto alla possibilità di un incontro con l’omologo iraniano, Rohani. Prima di negoziare - ha però precisato Teheran - Washington deve revocare tutte le sanzioni.

"Gli Stati Uniti devono ripristinare l'accordo e porre fine al 'terrorismo economico' contro Teheran se vogliono sedersi al tavolo dei negoziati". è stata la dichiarazione di Mohammad Javad Zarif, parlando con i giornalisti durante una visita di lavoro in Malesia.

Le tensioni tra gli Stati Uniti e l'Iran sono aumentate dopo il ritiro di Washington dal patto nel 2018 e la reintroduzione di pesanti sanzioni economiche.

Intanto, il viaggio della petroliera Adrian Darya 1 - sequestrata per oltre un mese a Gibilterra per sospetta violazione delle sanzioni alla Siria e poi rilasciata tre settimane fa - continua su rotte non ufficiali. Secondo il Wall Street Journal, che cita alcune sue fonti, la nave scaricherà parte del suo cargo su imbarcazioni più piccole per portare il petrolio in Siria. Per questo motivo, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro la Adrian Darya 1 e il suo capitano. "Chiunque offra loro sostegno - dichiara Washington - rischia di essere sanzionato".