A nuoto dalle Hawaii a San Francisco contro l'inquinamento

A nuoto dalle Hawaii a San Francisco contro l'inquinamento
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'impresa di Ben Lecompte: entro agosto la BAia di San Francisco, avrà percorso 300 miglia nautiche per dire no alla plastica.

PUBBLICITÀ

Dalle Hawaii a San Francisco a nuoto: l'impresa del nuotatore Ben Lecompte non mira al guinnes dei primati, ma è una vera e propria campagna di sensibilizzazione contro l'inquinamento degli Oceani. Tra una bracciata e l'altra ogni giorno ha incontrato chili e chili di plastica galleggiante toccando con mano i disastri che stanno cambiando la faccia del pianeta. Euronews ha parlato con la dottoressa Sarah Jeanne Royer dell'università di san deigo che offre supporto alla missione da terra.

Le cose stanno peggio di come ve le siete immaginate professoressa?

"Da quello che mi ha detto l'equipaggio hanno incontrato una quantità impressionante di plastica. Ogni giorno, nell'arco di 30 minuti trovavano tra i 3000 e i 6000 pezzi di microplastiche, il che è un valore molto alto".

E che impatto ha tutto questo?

"I più piccoli sono pezzi di plastica che finiscono nel'acqua o sono ingeriti dai pesci, le balene, tutti quelli che la mangeranno. I detriti piu' grandi finiscono aggovigliati nelle reti da pesca e diventano un pericolo per la fauna selvatica".

L'obiettivo della missione è coprire 300 miglia nautiche a nuoto per denunciare i 300 milioni di tonnellate di plastica che le persone producono ogni anno. Lecomte e i suoi sperano di raggiungere San Francisco a fine agosto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turchia, 2400 nuotatori alla gara nel Bosforo tra Europa e Asia

La sfida con l'energia eolica della Grecia nella prossima puntata di Euronews Witness

Spagna, a Barcellona la manifestazione contro la chiusura delle centrali nucleari