EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Turchia, 2400 nuotatori alla gara nel Bosforo tra Europa e Asia

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Lefteris Pitarakis/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Lefteris Pitarakis/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La competizione, che si tiene sin dal 1989, inizia dal quartiere di Kanlica, sul lato asiatico di Istanbul, e termina invece al parco Kurucesme Cemil Topuzlu, sul lato europeo, coprendo una distanza di 6,5 km

PUBBLICITÀ

Più di 2.400 nuotatori da tutto il mondo hanno preso parte alla 34a edizione della Bosphorus Cross-Continental Swimming Race in Turchia, singolare gara tra Asia ed Europa.

L'evento, a cadenza annuale in acque libere, è infatti l'unica competizione ufficiale di nuoto al mondo ad attraversare due continenti.

La metà dei partecipanti viene dall'estero e si è radunata ai nastri di partenza, alla presenza del ministro dello Sport turco, Mehmet Muharrem Kasapoğlu.

Lefteris Pitarakis/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoLefteris Pitarakis/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved

La gara, che si tiene sin dal 1989, inizia dal quartiere di Kanlica, sul lato asiatico di Istanbul, e termina invece al parco Kurucesme Cemil Topuzlu sul lato europeo, coprendo una distanza di 6,5 km nell'iconico stretto del Bosforo.

L'organizzazione, che contribuisce notevolmente alla promozione della Turchia e di Istanbul, è stata selezionata come "Best Open Water Swimming Organization" dalla World Open Water Swimming Association nel 2016.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Panico ai mondiali di nuoto, la statunitense Alvarez sviene in piscina

A nuoto dalle Hawaii a San Francisco contro l'inquinamento

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi