Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Russia-Lega, Conte: "Immutata la fiducia nei membri del Governo"

Russia-Lega, Conte: "Immutata la fiducia nei membri del Governo"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha riferito in Senato a proposito dello scandalo delle relazioni russe della Lega.

"Ora non ci sono elementi per incrinare la fiducia con i membri del Governo", ha detto il Premier italiano.

I partner prediletti sono Europa e Stati Uniti, non Putin, ha rilanciato Conte, contestato in Aula durante il suo intervento, evidenziando poi che "Savoini non ha mai rivestito incarichi formali di consulente esperto di questo Governo".

Dovuto il riferimento al Presidente dell'Associazione Lombardia-Russia, indagato per corruzione internazionale.

Le proteste

Una parte di senatori del M5s ha abbandonato l'Aula quando Conte ha cominciato a parlare: un gesto di protesta sottolineato dal Senatore Pier Ferdinando Casini.

"Lei ha detto che ha rispetto nei nostri confronti - ha detto quest'ultimo, riferendosi al Premier - ma una parte del Parlamento non è rispettosa verso di lei: i banchi del M5s sono vuoti, questo è un fatto politico di prima grandezza".

L'assente

Assente preventivato Matteo Salvini, il quale aveva preannunciato che non sarebbe stato in aula per ascoltare le parole del Premier: quest'ultimo non è riuscito ad avere chiarimenti dal suo vice in merito a Gianluca Savoini, suo storico collaboratore, protagonista della trattativa moscovita.

"Avere buoni rapporti con la Russia è nell’interesse di tutti: cercano i rubli di Mosca, ma noi abbiamo sbloccato 50 miliardi di opere pubbliche", ha commentato via Facebook.

Dopo la pubblicazione degli audio in cui Savoini parla di Salvini, quest'ultimo ha comunque negato che il diretto interessato avesse ruoli ufficiali nei rapporti con la Russia.