Francia, via libera tra le divisioni al trattato commerciale CETA

Francia, via libera tra le divisioni al trattato commerciale CETA
Diritti d'autore STEPHANE DE SAKUTIN / AFP
Di Claudio Rosmino
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Assemblea Nazionale ha approvato di misura l'accordo UE-Canada

PUBBLICITÀ

Tra profonde divisioni l'Assemblea Nazionale francese ha approvato il CETA, il controverso protocollo commerciale tra Unione europea e Canada. 266 i voti a favore, 213 i contrari e 74 gli astenuti.

L'Accordo Economico e Commerciale Globale, da cui l'acronimo inglese CETA, cancella i dazi doganali sul 98% dei prodotti scambiati trale parti e fissa parametri di tutela dei prodotti agroalimentari più stringenti.

**I dubbi sul protocollo

**

Critici parte del mondo agricolo e le ONG, che temono effetti negativi per le produzioni locali e minori controlli sulla sostanze potenzialmente negative per la salute dei consumatori.

Il documento è già stato ratificato da tredici paesi europei, in Italia non è ancora arrivato all'esame del Parlamento.

**In crescita l'export italiano verso il Canada

**

Roma vanta un legame commerciale importante con l’economia canadese. Nel primo anno di applicazione dell’accordo provvisorio, l’export italiano in Canada è complessivamente aumentato del 3,8%.

Nel 2017 il Canada ha importato dall’Italia beni per oltre 8 miliardi di euro, contro i quasi 2,5 miliardi di euro di beni canadesi importati dall'Italia.

Frutto di sette anni di negoziati tra Unione Europea e Canada, il trattato CETA è stato approvato dall'europarlamento nel 2017. La sua attuale forma è però ancora provvisoria, in attesa della ratifca da parte di tutti gli Stati membri europei.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: il Parlamento francese approva il diritto costituzionale all’aborto

Francia, passa la legge sull'immigrazione grazie all'appoggio della destra: inasprite le regole

Francia, sulle pensioni il governo scavalca il voto in aula. In arrivo mozione di sfiducia