ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cuba: la sfida degli attivisti LGBT

Cuba: la sfida degli attivisti LGBT
Diritti d'autore
REUTERS/Alexandre Meneghini/Arşiv
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono stati definiti sovversivi dal governo cubano, ma gli attivisti LGBT hanno voluto sfidare il regime marciando per quasi un chilometro nel cuore de L'Havana.

Almeno tre persone sono state arrestate per aver partecipato alla dodicesima marcia annuale contro l'omofobia.

La manifestazione è stata promossa sui social network grazie al crescente accesso alla rete registrato negli ultimi anni e che vede un numero sempre maggiore di cubani mobilitarsi online.

"Non è una protesta politica, non è questa l'intenzione - dice un attivista - Siamo qui per Fidel, per la Rivoluzione e per tutti gli altri, anche se quest'anno ci hanno voltato le spalle, vogliamo dimostrare che sì, possiamo farcela".

Cuba autorizzava eventi di questo tipo ogni anno e, addirittura, nei mesi scorsi, il regime discuteva dell'approvazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso. Ma dopo una serie di proteste delle Chiese evangeliche, che hanno un seguito crescente sull'isola, il governo ha fatto marcia indietro.