EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Spagna: il voto dei catalani a "Esquerra"

Spagna: il voto dei catalani a "Esquerra"
Diritti d'autore 
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Premiati anche i socialisti.

PUBBLICITÀ

I catalani hanno le idee chiare: alta affluenza alle urne e voto che vira a sinistra. Vince Esquerra Republicana, il cui leader Oriol Junqueras è in prigione. Cade il partito di Puigdemont, che ha scelto il più confortevole esilio a Bruxelles dopo lo strappo col governo di Madrid sull'indipendenza della Catalogna.

"Non siamo del tutto soddisfatti - dice Gabriel Rufián, candidato di Esquerra Republicana - oggi, qui, inizia un nuovo ciclo (elettorale), questa sarà la prima di molte vittorie".

Barcellona ha anche premiato i socialisti di Sánchez: una situazione che incoraggia a cercare e trovare una soluzione politica alla questione catalana. Negli ultimi mesi Esquerra Republicana ha aperto al dialogo: i leader vincitori potrebbero dunque formare un esecutivo in grado di riformare la Costituzione in senso federalista e archiviare le tensioni degli ultimi tempi.

Quello che i socialisti non possono fare è però concedere troppo e, sul fronte nazionalista, Junqueras sembra considerare la secessione un'istanza irrununciabile: uno scenario ancora in via di definizione, anche alla luce delle future alleanze per dare vita al governo.

Esquerra Republicana pensa ora alle prossime elezioni del sindaco di Barcellona - candidato Ernest Maragall - e alle elezioni europee del prossimo 26 maggio.

Ancora incerto il futuro dei nove leader indipendentisti catalani in carcere, compreso il numero uno di Esquerra Republicana, Oriol Junqueras.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: gli scenari post voto

Spagna: un dibattito elettorale dominato dalla questione catalana

Barcellona: trattenuta nave da crociera con 1.500 passeggeri, 69 boliviani con visti Schengen falsi