Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

I 15 minuti che hanno fatto la differenza

I 15 minuti che hanno fatto la differenza
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Una manciata di minuti o poco più che hanno fatto la differenza

I vigili del fuoco di Parigi hanno evitato il grande disastro. Hanno rischiato la vita per rimanere all’interno di Notre Dame in fiamme per creare un muro d’acqua tra il fuoco e due torri sul lato ovest dell’edificio.

Secondo Philippe Demay, Portavoce dei pompieri parigini, le due torri e il campanile sarebbero crollati, un disastro evitato grazie all'uso di attrezzature speciali e potenti, come i sei cannoni ad acqua manovrati da droni. “Tutte le attrezzatture sono state ben posizionate, tutti hanno fatto un ottimo lavoro, per salvare le torri.”

15 minuti di ritardo e Notre Dame sarebbe crollata

15 minuti o mezz’ora di ritardo e sarebbe stato troppo tardi per salvare quel che resta della famosa cattedrale. "Non sapevamo cosa aspettarci, spiega il Capormaggiore Miryam Chudzinski, perché dal basso non si vedeva molto bene quello che stava succedendo, sapevamo che la guglia stava bruciando ma non sapevamo davvero con quale intensità. Ci siamo resi conto della gravità solo una volta arrivati in cima. Una situazione drammatica, c’era un calore assurdo, abbiamo dovuto cambiare tutti i piani di salvataggio molto velocemente."

500 vigili del fuoco, considerati come degli eroi, per aver salvato anche una delle reliquie più preziose di Notre-Dame, la Corona di Spine che, secondo la tradizione, fu messa sulla testa di Gesù Cristo prima della sua crocifissione. "Una volta ottenuto il permesso per entrare nell'edificio in fiamme - racconta Jean-Marc Fournier, cappellano dei Vigili del fuoco, ci siamo precipitati in quella zona e una squadra è già lì. Avevano già rimosso la protezione del reliquiario e recuperato riuscito a togliere la Corona di Spine. L'obiettivo di era preservare questa straordinaria reliquia, patrimonio mondiale." La corona fu portata a Parigi nel 13° secolo dal re Luigi IX – successivamente canonizzata come Saint Louis.

Due allarmi anti-incendio lanciati nel giro di 30 minuti uno dall’altro. Una corsa insomma contro il tempo. Solo dopo 15 ore di lavoro ininterrotto, l’incendio è stato completamente domato. Parte della collezione inestimabile è stata persa per sempre, ma altri pezzi sono stati risparmiati dalla furia del fuoco.