Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sudan dopo il golpe: si tratta con la giunta militare

Sudan dopo il golpe: si tratta con la giunta militare
Dimensioni di testo Aa Aa

Militari con militari: è il Sudan che veste la divisa a detenere il potere senza soluzione di continuità. Alla destituzione del presidente/generale Omar al-Bashīr - in sella dal 1989 dopo un incruento colpo di Stato - segue infatti una transizione militare, che l'opposizione vorrebbe la più breve possibile.

Sabato sono stati avviati i negoziati tra i rappresentanti del movimento di protesta e la giunta militare.

Le richieste del movimento di protesta.

"Il governo è stato effettivamente abbattuto, ma abbiamo ancora delle richieste e aspettiamo che vengano soddisfatte - ha spiegato una delle manifestanti - tra le altre cose, chiediamo la consegna di tutti i leader dell'ex regime perché siano processati a livello internazionale o qui in Sudan, in modo che lo possiamo vedere con i nostri occhi".

Processo e dissoluzione del partito del Congresso Sudanese, espressione della classe politica al potere: sono le richieste sul tavolo, a cui si aggiunge quella di un futuro esecutivo non militare.

Le rasssicurazioni del consiglio militare ddi transizione.

"Quello che vogliamo , e speriamo che tutti siano d'accordo, in breve tempo, è che si individui un profilo indipendente e patriottico per la carica di primo ministro", ha dichiarato Yasser Ataar, membro del consiglio militare di transizione.

Le proteste contro al-Bashīr sono iniziate a fine dicembre e riguardavano il caro vita e la cancellazione di un sussidio per comprare il pane.

Nonostante la violenta repressione da parte delle forze di sicurezza, decine di migliaia di sudanesi hanno alimentato le manifestazioni anti al-Bashīr e il golpe dell'11 aprile scorso.