EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Le sfide del nuovo governo in Palestina, tra divisioni interne e pressioni internazionali

Le sfide del nuovo governo in Palestina, tra divisioni interne e pressioni internazionali
Diritti d'autore REUTERS/Mohamad Torokman
Diritti d'autore REUTERS/Mohamad Torokman
Di Giulia Avataneo
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Non ci può essere Palestina senza Gerusalemme", ha detto il presidente Abu Mazen durante l'insediamento del nuovo esecutivo, guidato da Mohammad Shtayyeh.

PUBBLICITÀ

Il nuovo governo palestinese guidato dal premier Mohammad Shtayeh ha giurato ieri a Ramallah, in Cisgiordania, davanti al presidente Abu Mazen.

L'esecutivo, controllato dal partito del presidente al-Fatah, partito nazionalista di Liberazione della Palestina, esclude i rivali di Hamas, con i quali cercherà di redimere il conflitto in atto a Gaza. Per esaminare le possibilità di riconciliazione, una delegazione di al-Fatah si recherà presto al Cairo.

Shtayyeh e il governo della discontinuità: 16 nuovi ministri, solo 5 sottosegretari rimangono in carica

È una delle prime questioni che il governo dovrà affrontare, come ha detto Abu Mazen, insieme alla lotta contro il piano sostenuto dagli Stati Uniti in Medio Oriente, che esclude Gerusalemme dal Paese.

Leggi anche: Trump avverte la Palestina: se non vi siedete al tavolo per la pace tagliamo aiuti

"Non ci può essere Palestina senza Gerusalemme - ha detto il presidente - annunciando l'opposizione con ogni mezzo legale, dalla resistenza popolare pacifica al ricorso alle istituzioni internazionali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: nuovo atto della Marcia del Ritorno

Trump minaccia la palestina: "non vogliono negoziare?, niente aiuti"

Stati Uniti, Steve Bannon dovrà essere incarcerato entro l'1 luglio