Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

I leader "intoccabili" nel mondo

I leader "intoccabili" nel mondo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Omar al-Bashīr: 30 anni alla guida del Sudan; Abdelaziz Bouteflika: 20 anni a capo dell'Algeria. Nel giro di due settimane due storiche presidenze hanno chiuso il loro ciclo che sembrava interminabile.

"Sic transit gloria mundi" direbbe Silvio Berlusconi, che usò la citazione latina per commentare la fine di Muammar Gheddafi dopo 42 anni di dominio incontrastato.

Tuttavia Teodoro Obiang Nguema dorme ancora sonni tranquilli in Guinea Equatoriale, dove è presidente dal 1979. E il vice è suo figlio, Teodorin Obiang, che sembra destinato alla successione.

Il secondo più anziano leader al mondo è Paul Biya, a capo da 36 anni del Camerun, di cui nei sette anni precedenti è stato primo ministro.

Nel vicino Congo Denis Sassou-Nguesso è stato presidente dal 1979 al 1992, e poi ha ripreso il potere nel 1997, per un totale di quasi 35 anni. Il suo attuale mandato si chiuderà nel 2021.

Nella lista dei veterani c'è anche Yoweri Museveni, che ha preso il potere in Uganda nel 1986: 33 anni di potere assoluto.

Lasciando l'Africa, in Bielorussia il 64enne Aleksandr Lukašenko continua a tenere in mano le redini del Paese dal 1994.

Infine Nursultan Nazarbaev, che è stato presidente del Kazakistan dal 1990 fino alle sue dimissioni a sorpresa a marzo di quest'anno. Tuttavia controlla ancora il Paese, considerando che è il capo del partito al potere e del Consiglio di sicurezza nazionale, ed è stato nominato "padre della Nazione" a vita. In suo onore è stata persino ribattezzata la capitale Astana in Nur-sultan, scatenando proteste represse con la forza.