ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chiedeva rimborsi per la benzina ma viaggiava in aereo: eurodeputato rumeno a processo

Chiedeva rimborsi per la benzina ma viaggiava in aereo: eurodeputato rumeno a processo
Diritti d'autore
Foto: Pagina Facebook ufficiale di Petru Luhan
Dimensioni di testo Aa Aa

Un ex parlamentare europeo rumeno è stato accusato dai magistrati anti-corruzione di aver falsificato le note spese per un ammontare di 50mila euro.

I pubblici ministeri imputano a Luhan Petru di aver utilizzato false ricevute per richiedere fondi al Parlamento europeo. Così si legge in un comunicato stampa della Direzione nazionale anticorruzione della Romania.

Nel periodo compreso tra il 17 marzo 2010 e il 6 marzo 2012, Luhan - ex membro del partito democratico-liberale dell'ex presidente rumeno Traian Basescu - avrebbe presentato 37 ricevute false per ottenere il rimborso delle spese di viaggio.

Si ritiene che Luhan abbia gonfiato i costi dei biglietti aerei e presentato note spese anche per la benzina quando in realtà si è sempre recato da Bruxelles a Strasburgo in aereo, secondo quanto riferisce il pm. Il caso è stato affidato ad un tribunale di Bucarest.

L'anno scorso, un comitato del Parlamento europeo ha chiesto maggiore trasparenza sull'importo forfettario di 4.416 euro al mese concesso ai deputati al Parlamento europeo. Serve a coprire i costi di viaggio, alloggio e affini ma i parlamentari non sono tenuti a giustificare in alcun modo le spese.

Indennità, paracadute d'oro e pensione: tutti i benefit degli europarlamentari

A settembre, la Corte suprema dell'Unione europea ha stabilito che i deputati al Parlamento europeo non devono rivelare per cosa spendono la loro indennità. I critici hanno bollato questo verdetto come un duro colpo al principio della trasparenza. Euronews ha chiesto al Parlamento europeo se verranno adottate misure per impedire che questo tipo di problema si verifichi nuovamente.