Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele al voto: Netanyahu punta alla rielezione e alza i toni

Israele al voto: Netanyahu punta alla rielezione e alza i toni
Diritti d'autore
REUTERS/Ammar Awad
Dimensioni di testo Aa Aa

Se rieletto il premier Benyamin Netanyahu intende estendere la sovranità israeliana a parti della Cisgiordania. Lo ha sottolineato nel corso di una intervista televisiva in cui ha chiaramente indicato la Giudea e la Samaria (Cisgiordania) in cui non fa differenze tra zone omogenee di insediamento ebraico e insediamenti isolati. Tantomeno intende dividere Gerusalemme od evacuare le comunità ma vuole che Israele controlli il territorio ad ovest del Giordano.Questa la sua campagna elettorale con obiettivi specifici.

L'aiutino di Trump

Dall'altra sponda dell'Atlantico intanto Donald Trump si è dimostrato apparentemente prudente sull'esito delle elezioni legislative del 9 aprile in Israele, prevedendo un voto "serrato" tra Benjamin Netanyahu e il suo principale rivale Benny Gantz, entrambi definiti "brave persone". "Chi vincerà la corsa? Non lo so", ha detto il tycoon parlando alla riunione annuale della Republican Jewish Coalition a Las Vegas. "Sono due uomini perbene, ma io ero al fianco del premier alla Casa Bianca per il riconoscimento della sovranità di Israele" sulla parte del Golan occupato dallo stato ebraico, ha aggiunto. Una mossa, il riconoscimento, che molti hanno letto come un aiuto a "Bibi". In ogni caso, ha proseguito, "l'incredibile legame tra Stati Uniti e Israele non sarà mai più forte di come è ora".

Il fantomatico piano di pace USA per il Medio Oriente

Trump ha evocato anche il piano di pace Usa per il Medio Oriente, un dossier trattato dal genero-consigliere Jared Kushner (di fede ebraica). "Se non riescono a farlo, nessuno ci riuscirà", ha assicurato. I palestinesi finora hanno rifiutato il ruolo di mediatore dell'amministrazione Trump.