ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Critiche contro i Rammstein per il video in cui si fa riferimento all'Olocausto

Critiche contro i Rammstein per il video in cui si fa riferimento all'Olocausto
Dimensioni di testo Aa Aa

"Di cattivo gusto", "abietto". Il gruppo industrial metal tedesco Rammstein, abituato alle provocazioni, ha ricevuto una raffica di critiche in patria dopo aver diffuso il teaser di un video, già visto oltre un milione di volte, in cui i suoi membri sono vestiti da prigionieri dei campi di concentramento nazisti, con un cappio al collo.

"La messa in scena dei musicisti dei Rammstein, vestiti come detenuti del braccio della morte in un campo di concentramento, rappresenta l'attraversamento di una linea rossa", ha detto Felix Klein, capo del dipartimento che combatte l'antisemitismo in seno al governo tedesco. Le sue dichiarazioni sono state riportate sul popolare quotidiano Bild Zeitung, giovedì.

"Se fosse solo un espediente per promuovere le vendite del nuovo album, penso che si tratterebbe di uso di cattivo gusto della libertà artistica", ha aggiunto.

"Il gruppo ha oltrepassato ogni limite con questo video", gli ha fatto eco Charlotte Knobloch, ex presidente del Consiglio Centrale degli Ebrei e figura di spicco della comunità ebraica tedesca, "Il modo in cui i Rammstein trasformano la sofferenza e l'assassinio di milioni di persone per divertimento è frivolo e abietto".

Nell'ultimo video del gruppo, quello per il singolo "Deutschland", il carismatico leader della band, Till Lindemann, ha la guancia rigata dal sangue proveniente da una ferita all'occhio destro. Il chitarrista indossa una stella gialla sulla giacca.

"La Shoah non deve essere usata per scopi pubblicitari", ha affermato uno dei leader del Partito Liberale (FDP), Alexander Graf Lambsdorff.

Fondato nel 1994 da musicisti dell'ex Repubblica Democratica tedesca, il gruppo Rammstein - il cui nome si riferisce al disastro aereo nella base americana dell'omonima città nel 1988 - è il gruppo di lingua tedesca più famoso al mondo con oltre 20 milioni di album venduti.

E' conosciuto per le sue spettacolari rappresentazioni sceniche in cui vengono impiegati una quantità di fuochi d'artificio e giochi pirotecnici. Noto è il gusto per la provocazione della band, che in passato le ha fatto guadagnare accuse di vicinanza all'ideologia nazista. Una tesi che i musicisti hanno sempre fermamente negato.

In particolare, il gruppo aveva causato polemiche utilizzando in un video del 1998 le immagini di un film di propaganda nazista, "Olympia", dell'attrice e regista Leni Riefenstahl.

In un'intervista del 2006 su Playboy, Till Lindemann ha detto che il gruppo non avrebbe mai più fatto una cosa del genere. "Perché sono stanco delle accuse che ci vengono mosse di essere un gruppo di destra".

La band non ha ancora risposto alle polemiche montate dopo la diffusione del breve teaser. Il prossimo album in studio del gruppo è atteso per il mese di aprile: dovrebbe aprire il tour europeo.