Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Paradisi Fiscali: dieci nuovi paesi nella "black-list"

Paradisi Fiscali: dieci nuovi paesi nella "black-list"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Si allunga la lista nera dell'Unione Europea sui paradisi fiscali: ai cinque paesi già "segnalati", ora ne sono stati aggiunti altri dieci, riabilitando - viceversa - Panama e Uruguay.

Lo hanno reso noto a Bruxelles Valdis Dombrovskis, Vice.Presidente della Commissione Europea e Eugen Teodorovici, Ministro delle Finanze della Romania.

"Si può essere cancellati dalla lista nera, se..."

"I paesi coinvolti hanno una possibilità concreta di essere cancellati dalla lista nera non appena avranno compiuto progressi significativi".
Eugen Teodorovici
Ministro Finanze Romania

"Vista la natura dinamica del nostro programma, i paesi coinvolti hanno una possibilità concreta di essere cancellati dalla lista nera non appena avranno compiuto progressi significativi in base al loro impegno", ha dichiarato Teodorovici.

REUTERS/Francois Lenoir
Eugen Teodorovici, Ministro romeno delle Finanze.REUTERS/Francois Lenoir

Dieci paesi "neri"

I paesi finiti nella lista nera sono: Aruba, Belize, Bermuda, Figi, Oman, Vanuatu, Rep. Dominicana, Barbados, Isole Marshall e Emirati Arabi.

Della black-list facevano già parte Samoa americane, Samoa, Guam, Trinidad e Tobago e Isole Vergini.

Dalla lista grigia a quella nera

Nella loro riunione di dicembre 2017, i Ministri dell'Economia e delle Finanze dell'Ue avevano dato il via libera al primo elenco comunitario dei paesi "non cooperative" nel settore fiscale.

In aggiunta alla lista nera dei paradisi fiscali, i ministri dei Ventotto avevano approvato un secondo elenco "grigio", comprendenti i paesi che hanno commesso infrazioni e che l'UE ha invitati a modificare i loro sistemi fiscali .

Queste modifiche alle norme fiscali dovevano essere effettuate, nella maggior parte dei casi, entro la fine del 2018 al più tardi, e oggi a Bruxelles i ministri economici hanno esaminato i progressi compiuti. Colpevolizzando o assolvendo chi ha fatto male o bene i "compiti a casa".

"La black-list è uno strumento importante, ma non è abbastanza"

"La black-list è uno strumento, se è forte, se è monitorato e se è sanzionato, può essere uno strumento utile, ma ovviamente non è abbastanza", dice l'esperta fiscale di Oxfam Internationational, Chiara Putaturo.

Chiara Putaturo, esperta fiscale di Oxfam.

"La pubblicazione della tassa di profitto delle società di ogni paese, che non ha raggiunto il livello previsto dal consiglio europeo, è stata bloccata nell'nteresse dei degli stessi paesi", continua l'esperta di Oxfam.

I grandi centri finanziari del Medio Oriente

Due degli Emirati Arabi finiti nella black-list dell'Unione Europea sono Dubai e Abu Dhabi. Cosi come il Sultanato di Oman, un altro importante centro finanziario internazionale situato in Medio Oriente.