ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Venezuela al quarto giorno di blackout

Venezuela al quarto giorno di blackout
@ Copyright :
REUTERS/CARLOS GARCIA RAWLINS
Dimensioni di testo Aa Aa

Sospetti saccheggiatori sono trattenuti e perquisiti dalla guardia nazionale bolivariana a Caracas in Venezuela, nel quarto giorno di black out, il piu' grave nella storia del PAese. Secondo la stampa locale, 22 de 23 stati del Venezuela sono senza corrente elettrica, a causa di quello che il presidente Maduro definisce un sabotaggio orchestrato da golpisti infiltrati con l'appoggio degli stati uniti, ma che per l'opposizione di Juan Guaido' è semplicemente l'ennesima dimostrazione del fallimento del regime chavista.

Intanto continuano le manifestazioni di opposte fazioni: sabato Maduro ha parlato di fronte a migliaia di venezuelani, al temrine della marcia antimperialista convocata nella capitale, mentre i sostenitori dell'autoproclamato presidente Guaido' continuano a presidiare le strade.

"Non credete alla favola della guerra economica di cui parla il governo venezuelano - denuncia quest'uomo - La guerra economica è cominciata quando hanno iniziato a espropriare tutti i nostri averi privati e tutti i vantaggi che avevamo prima".

Sul piede di guerra anche il settore medico che lamenta la mancanza di mezzi e di generatori elettrici che, tuttavia il governo ha detto di aver provveduto a garantire in ogni ospedale. Secondo il dottor Julio Castro, medico dell'Ospedale Manuel Nunez Tovar di Maturin,il black out avrebbe provocato già 13 decessi solo nel suo ospedale che, denuncia, non dispone di un generatore

Il "megapagon", come e già stato ribattezzato il blackout, ha provocato enormi problemi anche in settori come quello dell'erogazione dell'acqua, compromessa dal blocco delle pompe elettriche, o delle transazioni commerciali, già esigue, impossibili senza pagamento elettronico in un paese vittima dell'iperinflazione.