La Georgia ricorda le vittime dell'occupazione sovietica

La Georgia ricorda le vittime dell'occupazione sovietica
Di Paola Cavadi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Era il 25 febbraio del 1921 quando le autorità sovietiche dichiararono la nascita della Repubblica Sovietica della Georgia. L'occupazione duro' 70 anni, dal conflitto del 2008 i due Paesi continuano a non avere rapporti diplomatici, salvo alcuni incontri informali.

PUBBLICITÀ

Era il 25 febbraio del 1921 e le autorità sovietiche dichiaravano la nascita della Repubblica Socialista Sovietica di Georgia. Una data che dal 2010 viene ricordata nel Paese, tornato indipendente nel 1991, con cerimonie ufficiali in ricordo delle vittime.

Il presidente georgiano, Salome Zurabishvili, prima donna presidente del Paese, ha deposto una corona di fiori sul memoriale dei caduti della battaglia di Kojori,

"La battaglia per la conquista di Tbilisi - ha dichiarato alla stampa - è finita 98 anni fa oggi, molti cadetti georgiani sono morti qui, per l'indipendeza della Georgia. è un giorno da ricordare, perchè la battaglia per l'indipendenza del Paese non è finita".

L'occupazione sovetica duro' 70 anni, fino al '91. Dopo la rottura diplomatica seguita al conflitto del 2008, catastrofico per la Georgia che perse ogni sovranità su Abkhazia e Ossezia del Sud, i due Paesi stanno provando a riprendere il dialogo con una serie di incontri informali in corso dal 2012. Il prossimo a Praga, il 27 febbraio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scontri in Georgia fra alcuni residenti della Gola di Pankisi e la polizia

Conflitto Russia e Georgia, visto 10 anni dopo la guerra-lampo

Georgia, vandalizzata icona religiosa raffigurante Stalin: proteste furiose a Tbilisi