Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Il papa spreta l'ex cardinale pedofilo, McCarrick

Il papa spreta l'ex cardinale pedofilo, McCarrick
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il papa lo ha ridotto allo stato laicale e lui non potrà fare appello.

Il Congresso della congregazione per la dottrina della fede ha emanato stamattina il decreto conclusivo del processo penale all'ex cardinale Theodore Edgar McCarrick, arcivescovo emerito di Washington, accusato di abusi su un minore e di una condotta sessualmente inappropriata con giovani seminaristi e sacerdoti maggiorenni.

La decisione, per la stampa americana dovuta, arriva a pochi giorni dall'apertura della riunione, il 21 febbraio, della riunione dei presidenti della Conferenze episcopali di tutto il mondo con papa Francesco, proprio per parlare di abusi su minori e adulti vulnerabili.

La riduzione allo stato laicale di McCarrick, che già aveva lasciato la toga porporata l'anno scorso, è un unicum nella storia della Chiesa moderna.

La scorsa estate un’inchiesta del New York Times aveva svelato che McCarrick si era dato da fare per comprare il silenzio di diversi protagonisti della vicenda negli anni 80, con l'appoggio di altri esponenti del clero americano.

Preti pedofili, la lista di Brooklyn

Negli Stati Uniti le autorità giudiziarie hanno chiesto alla diocesi di lasciare intatti tutti i documenti relativi al caso McCarrick e non è esclusa un'indagine penale federale che andasse ben oltre questo verdetto.

Mentre molto si muove negli Stati Uniti: è di queste ore la notizia della pubblicazione di una lista di 100 nomi di preti presunti pedofili da parte della diocesi di Brooklyn. L'annuncio è stato accompagnato da una lettera del vescovo di Brooklyn Nicholas Di Marzio.

Un altro capitolo che si aggiunge alla storia degli abusi negli Stati Uniti, esplosa con clamore nel 2002 quando il Boston Globe per primo raccontò degli abusi nella diocesi di Boston con un'inchiesta che ha fatto la storia e che è diventata anche un film, "Il caso Spotlight".