Thailandia: torna in libertà il calciatore rifugiato

Thailandia: torna in libertà il calciatore rifugiato
Di Roberto Alpino
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il calciatore del Bahrein Hakeem al Araibi, che si trovava in carcere in Thailandia dallo scorso novembre, è stato liberato

PUBBLICITÀ

Il calciatore del Bahrain, Hakeem al Araibi, dallo scorso novembre in carcere in Thailandia, è stato liberato.

Il difensore era stato arrestato a Bangkok, dove si trovava in luna di miele, a seguito di una richiesta d’arresto internazionale emessa dall’Interpol su mandato del proprio Paese.

Prima ancora, al Araibi era fuggito in Australia, dove aveva ricevuto diritto d’asilo.

Scott Morrison, Primo Ministro australiano:

"Ciò che vorremmo fare è ringraziare e mostrare il nostro apprezzamento al Governo thailandese per la decisione presa: rispettiamo il processo affrontato e apprezziamo che abbia dato ascolto ai problemi sollevati dal nostro Governo e da molti altri che hanno preso a cuore questo caso".

????Bahrain seeking extradition of Melbourne, Australia?? based Refugee footballer detained in ??Thailand. Bahrain has...

Publiée par Suzanne Aoun sur Mardi 29 janvier 2019

#SaveHakeem

Il 25enne mirava ad evitare una condanna a dieci anni di carcere, emessa nei suoi confronti per aver partecipato a manifestazioni antigovernative nel Bahrain.

Proprio i vertici del Regno ne hanno chiesto a lungo l’estradizione, prima della decisione a sorpresa sul fronte thailandese.

Sin da subito, il suo fermo era parso una palese violazione dei Diritti umani, causando la mobilitazione di Amnesty International e del "popolo della rete", con relativa diffusione dell'hashtag #SaveHakeem.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Thailandia al voto: prime elezioni a cinque anni dal golpe militare

Calcio: Inter lancia la campagna ‘Buu’ contro il razzismo

Afghanistan: da sogno ad incubo, il "Piccolo Messi" costretto a fuggire