EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Usa, Trump cerca il compromesso: legge sui dreamers in cambio del muro

Usa, Trump cerca il compromesso: legge sui dreamers in cambio del muro
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Curiosamente proprio la disputa sui dreamers - i circa 700mila giovani nati in America da migranti irregolari - fu al centro dell'ultimo shutdown

PUBBLICITÀ

Una nuova legge che venga incontro ai figli degli immigrati irregolari, in cambio del muro per tenere al di là del confine gli immigrati irregolari.

Suona paradossale, ma è esattamente il compromesso che il presidente statunitense Donald Trump ha offerto ai Democratici per porre fine allo shutdown che da quasi un mese sta paralizzando attività amministrative e stipendi pubblici, il più lungo di sempre.

In cambio degli oltre 5 miliardi necessari a costruire il muro, Trump intende dunque varare una misura che estenda di altri tre anni le tutele legali per i cosiddetti dreamers, i circa 700mila giovani nati in America da genitori arrivati come migranti irregolari. Ed è curioso come proprio la disputa sui dreamers fu al centro dell'ultimo shutdown, concluso nel gennaio 2018.

I democratici respingono la proposta

I democratici si sono dimostrati compatti nel respingere la proposta di Donald Trump. "Quello che è originale nella proposta del presidente non è buono. E ciò che è buono non è originale" ha twittato la speaker della Camera, Nancy Pelosi, annunciando che la prossima settimana i dem voteranno ulteriori finanziamenti legati alla sicurezza al confine: per i valichi di ingresso, la tecnologia avanzata per controllare i veicoli che trasportano droga e giudici per l''immigrazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Messico-USA: il muro anti-migranti piegato dal forte vento

USA: lo shutdown diventa un record

Usa: si dimette il capo del Secret Service, Biden "a breve nominerò nuovo direttore servizi segreti"