EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Messico-USA: il muro anti-migranti piegato dal forte vento

Immagini Heriberto Reyes
Immagini Heriberto Reyes Diritti d'autore Fermo immagine servizio
Diritti d'autore Fermo immagine servizio
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le barriere d'acciaio alte 9 metri si sono piegate a causa del forte vento che ha colpito le città di Calexico e Mexicali

PUBBLICITÀ

Il muro anti-migranti che divide Stati Uniti e Messico (e Trump dai democratici) non ha retto alle violente raffiche che hanno riguardato le città di Calexico e Mexicali fra i due Stati: in quella parte della struttura, ancora in costruzione, le barriere d'acciaio alte 9 metri si sono piegate.

Il forte vento che viaggiava a circa 60 km/h ha piegato i pannelli metallici non ancora stabilizzati dalle strutture in cemento armato, fortunatamente senza lasciare feriti e creare danneggiamenti altri. 

L'agenzia americana per la protezione delle dogane e delle frontiere ha fatto sapere  che i funzionari locali di Mexicali hanno dirottato il traffico dall'area ove è avvenuto l'incidente e che sta lavorando con il governo messicano affinché sia ripristinata la parte di muro quasi divelta. 

L'acciaio al posto del cemento, voluto dal presidente Trump per contenere i costi, è lungo 3 mila km e desta tuttora molte critiche incontrando anche diversi ostacoli per la sua relizzazione. Il disco verde all'uso di fondi del Pentagono per la barriera, 3,6 miliardi di dollari, è stato dato da una corte d'appello americana nei giorni scorsi, corte che  a sua volta ha ribaltato una decisione contraria di una corte di grado inferiore, anche se il nuovo via libera è ancora impugnabile.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie Usa: Bernie Sanders vince in New Hampshire, le reazioni

Confine Usa-Messico: vittoria di Trump, approvata la norma "anti-asilo"

Usa, Trump cerca il compromesso: legge sui dreamers in cambio del muro