ULTIM'ORA

Tour Down Under, al terzo tentativo Sagan ce la fa

Tour Down Under, al terzo tentativo Sagan ce la fa
Dimensioni di testo Aa Aa

URAILDA (AUSTRALIA) - Ride sotto i baffi, Peter Sagan.

Non poteva farsi attendere troppo nell'albo d'oro della 20.edizione del Tour Down Under, in Australia.

Il quasi 29enne slovacco (Bora-Hansgrohe), tre volte campione del mondo consecutivamente (2015-2016-2017), si è imposto nella terza tappa, da Lobethal a Urailda di 146 km.

Una frazione segnata ancora da un caldo torrido, con salite arcigne e una pendenza totale di 3300 metri...

E' l'italiano Manuele Boaro dell'Astana (32 anni a marzo, per il veneto) a vincere uno dei GPM, durante una fuga che ha visto protagonisti anche gli altri italiani Alberto Bettiol e Davide Ballerini.

Emanuele Boaro passa per primo ad un Gran Premio della Montagna.

Un'altra caduta in mezzo al gruppo, coinvolto anche Elia Viviani. È l'ennesimo capitombolo di questa corse a tappe australiana.

Elia Viviani, in maglia azzurra e caschetto tricolore.

A 2 km dall'arrivo scatta Michael Woods, ma viene ripreso dal gruppo lanciatissimo in direzione sprint.

Nello sprint parte lungo il sudafricano Daryl Impey (Mitchelton-Scott), poi scavalcato da Sagan, che resiste al ritorno dello spagnolo Luis León Sánchez (Astana), vincitore del Down Under nel 2005.
Quarto Van Poppel, quinto Bevin. Decimo posto per Domenico Pozzovivo.

Non c'è bisogno del fotofinish, ma non è cosi netta la vittoria di Sagan, al primo successo nel 2019.

Vince proprio di poco, Sagan. Ma vince.

Il neozelandese Paddy Bevin conserva la maglia rossa, con un secondo di vantaggio proprio su Sagan.

Venerdi, 4.tappa: Unley-Campbelltown di 129 km.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.