ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Avramopoulos-Salvini: "incontro positivo"

Avramopoulos-Salvini: "incontro positivo"
Dimensioni di testo Aa Aa

"Condividiamo le stesse priorità: la protezione delle frontiere, la cooperazione con paesi terzi per bloccare la migrazione irregolare e aumentare i rimpatri ma anche instaurare un meccanismo di solidarietà. L'Europa continuerà a sostenere l'Italia". Questo è quanto ha dichiarato il Commissario europeo alle Migrazioni Dimitri Avramopoulos, dopo gli incontri avuti a Palazzo Chigi e al Viminale con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

SALVINI "In uno stile non molto ministeriale ho messo tra le sue mani una lista di 670 persone che potrebbero potenzialmente essere trasferite dall'Italia già oggi per mostrargli che le parole devono essere seguite da azioni. Se passeranno dalle parole ai fatti l'Europa si salva, altrimenti no"

L'occasione è anche stata quella per fare un bilancio sugli sbarchi, sulle espulsioni e sui salvataggi in mare.

SALVINI
"Il 2019, toccando ferro, è il primo negli ultimi anni in cui abbiamo avuto più espulsioni che arrivi Leggo oggi che le autorità spagnole hanno fermato nel porto di Barcellona la nave dalla ONG Pro Arms. Mi pare evidente che non ci siamo sbagliati se altri seguono la nostra stessa strada. Sono soddisfatto delle parole di Avramopoulos. Con lui non s'è parlato di blocco navale, ma abbiamo discusso degli strumenti per avere la difesa dei confini che è un tema molto importante per gestire i flussi. È un tema fondamentale, altrimenti si incentiva il pull factor. Il problema dell'immigrazione o si gestisce perseguendo un disegno politico articolato su più livelli o non si ottiene alcun risultato"