Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: l'ultimo saluto a Lyudmila Alexeyeva

Russia: l'ultimo saluto a Lyudmila Alexeyeva
Dimensioni di testo Aa Aa

C'era anche Vladimir Putin a porgere l'ultimo saluto a Lyudmila Alexeyeva, icona della società civile russa, pioniera del Movimento per i Diritti Umani nell'Unione Sovietica.

Nata in Crimea nel 1927, in piena epoca stalinista, nel '68 fu espulsa dal Partito Comunista e dalla casa editrice in cui lavorava.

Usman Baratov, Presidente Comunità interregionale uzbeca:

"Abbiamo creato un comitato contro la xenofobia, seduti a casa sua diversi anni fa: ha fatto breccia nel cuore di tutti, mi chiedo ancora come abbia potuto sopportare così tante tragedie, a dozzine le piombavano addosso in un colpo solo.

Lei ha dovuto sobbarcarsene ed ha vissuto per quasi 92 anni, Dio le ha dato un cuore tanto grande".

Michail Kasyanov, politico:

"Era un simbolo della lotta contro le ingiustizie, per la protezione dei Diritti Umani e una lotta contro gli abusi delle autorità, Lyudmila Alexeyeva ha dedicato tutta la sua vita a questo, per noi è un simbolo di lotta, una sorta di Madre Teresa russa".

A lei si deve, nel '76 a Mosca, anche la fondazione del Comitato di Helsinki, la più antica organizzazione per la Difesa dei Diritti Umani.

Galina Polonskaya, Euronews:

"Per sua stessa ammissione, in tutta la sua vita raccoglieva il mare con un cucchiaio, salvando un essere umano alla volta: Lyudmila Alexeyeva riteneva che ci sarebbero volute due generazioni libere di agire perché la Russia diventasse veramente libera, e credeva anche che lo sviluppo della civiltà dipendesse in gran parte dalle persone stesse.

La sua lunga vita è diventata un esempio del fatto che, anche se si raccoglie il mare con un cucchiaio, si può cambiare molto".

Lyudmila M. Alexeyeva gained prominence in the Soviet years as a dissident defender of human rights, and continued her advocacy into the Putin era. She died Saturday at 91.

Publiée par The New York Times sur Dimanche 9 décembre 2018