ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sciopero di medici, anestesisti e veterinari, altissima adesione

Sciopero di medici, anestesisti e veterinari, altissima adesione
Dimensioni di testo Aa Aa

Sale operatorie e corsie semideserte negli ospedali pubblici italiani per il “Black Friday" della sanità.

Le notizie che giungono nelle redazioni dalle diverse regioni parlano di una partecipazione allo sciopero ben maggiore rispetto alle aspettative, pari a 80-90% del personale.

Si rivendicano più fondi per la sanità e un impegno a rinnovare il contratto, fermo da dieci anni. Oltre all'erogazione degli stessi aumenti contrattuali previsti per il restante pubblico impiego e alla necessità di risolvere definitivamente l'annosa questione del riconoscimento dell'indennità di esclusività di rapporto nella loro massa salariale, si deve porre fine al blocco del turnover. Mancano in effetti almeno 20.000 medici.

Il sistema sanitario è al collasso, l'età media del personale medico supera i 54 anni e si prevedono migliaia di uscite con i nuovi pensionamenti. A questo bisogna aggiungere l'alto numero di dirigenti medici precari, circa il 10%, con contratti atipici.

La situazione sempre più grave la scontano soprattutto i pazienti. Il degrado della salute pubblica in Italia è ormai costante.