ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caso Orlandi: la procura indaga su ritrovamento di ossa

Lettura in corso:

Caso Orlandi: la procura indaga su ritrovamento di ossa

Caso Orlandi: la procura indaga su ritrovamento di ossa
Dimensioni di testo Aa Aa

Il caso Emanuela Orlandi è arrivato a una svolta, 35 anni dopo la scomparsa della giovane? Sono in corso in Vaticano, in collaborazione con la magistratura italiana, delle indagini per accertamenti sul rinvenimento di alcune ossa in un locale annesso alla sede della Nunziatura apostolica di via Po a Roma. Durante "alcuni lavori di ristrutturazione di un locale annesso alla Nunziatura apostolica in Italia, sito in Roma in via Po 27, sono stati rinvenuti alcuni frammenti ossei umani" spiega il comunicato della Santa Sede. "Il Corpo della Gendarmeria è prontamente intervenuto sul posto informando i Superiori della Santa Sede che hanno immediatamente informato le autorità italiane per le opportune indagini e la necessaria collaborazione nella vicenda".

Si stanno eseguendo comparazioni in particolare sul cranio e sui denti, per verificare se si possa trattare della 15enne figlia di un commesso della Prefettura della casa pontificia, che sparì nel nulla il 22 giugno del 1983. Non viene esclusa neanche la "pista Mirella Gregori", la minorenne scomparsa a Roma nello stesso anno. In molti hanno sempre pensato che le due misteriose scomparse fossero collegate.

Le ossa sarebbero state trovate in un edificio di proprietà del Vaticano e al momento non si sa se si tratti di un'unica persona, né a che epoca possano risalire. La Procura di Roma procede per omicidio in relazione al ritrovamento.

Il mistero della scomparsa di Emanuela Orlandi

Emanuela Orlandi era una cittadina vaticana e frequentava una scuola di musica a piazza Santa Apollinare a Roma, a pochi passi da Palazzo Madama. Il 22 giugno del 1983 uscì da lezione e dopo una breve telefonata alla sorella maggiore - riguardo a una proposta di lavoro che avrebbe ricevuto - si recò con due amiche alla fermata dell'autobus. Secondo una delle due compagne di corso, Emanuela non salì insieme a lei sul pullman, perché troppo pieno, ma ne attese un altro. Da quel momento si perse ogni traccia della giovane.

Tante le piste battute in questi 35 anni: da quella che collegava la scomparsa di Emanuela con l'attentato a Papa Giovanni Paolo II, fino a quella della Banda della Magliana, passando per la pista dello IOR - la "banca" vaticana - e quella della pedofilia. Nonostante lo Stato Pontificio consideri il caso ormai chiuso da anni, la famiglia della ragazza non ha mai smesso di lottare e si è sempre detta "convinta che in Vaticano sappiano la verità".